Home Attualità Cavalieri da tutta Italia sulle orme di San Francesco

Cavalieri da tutta Italia sulle orme di San Francesco

200
0

In sella a un cavallo la natura e il mondo che la circonda ha tutto un altro sapore. Tanto da far sembrare piccola ogni cosa e convincere ogni anno centinaia di cavalieri a prendere strade mai battute prima, alla ricerca di luoghi incantati e scorci da favola. Da una parte c’è un po’ di sana nostalgia dei bei tempi che furono, dall’altra c’è la necessità di sentirsi una volta di più liberi e spensierati. Ed è proprio questa la ragione alla base delle esperienza di Transappenninica, l’associazione di Badia Tebalda che ogni anno (solitamente due volte, una a primavera e una in autunno) richiama cavalieri e cavalli da ogni parte d’Italia, portandoli a scoprire alcuni dei luoghi più belli e suggestivi del Bel Paese. E dopo aver cavalcato a maggio nelle città tristemente divenute note per via degli eventi sismici dell’estate del 2016 (quindi Norcia, Visso e Amatrice) dal 3 al 7 ottobre lo faranno a Gubbio in un ideale connubio con San Francesco e i sentieri da lui stesso toccati nel corso della sua vita. “Ci sembrava davvero una bella cosa legare l’aspetto mistico a quello puramente naturalistico”, spiega Omero Romualdi, che assieme a Leonardo Dori dal 1994 è promotore degli eventi targati Transappenninica. “Di per sé Gubbio è già un territorio a vocazione equestre, avendo tantissimi sentieri da battere nelle colline e nelle montagne adiacenti. L’ho conosciuto nel tempo, ci sono tornato spesso, lo faremo ben volentieri in questa seconda tappa stagionale, sicuri che la città e il territorio sapranno ospitarci nel miglior modo possibile”.

TERRITORIO DA VIVERE. La quattro giorni eugubina sarà l’occasione per tantissimi cavalieri, molti dei quali accompagnati dalle rispettive famiglie, di scoprire posti e peculiarità del territorio che li ospiterà. “C’è un aspetto legato al turismo – riprende Romualdi – con ricadute importanti sulla collettività. Tutti i cavalieri alloggeranno in strutture del posto (in questo il “Beniamino Ubaldi”), visiteranno la città e i suoi luoghi di ritrovo, potranno assaggiare i prodotti tipici del territorio e prendere parte a degustazioni grazie anche alla collaborazione con altri soggetti (Mencarelli Group curerà il catering durante i trasferimenti giornalieri), vivendo un’esperienza a 360 gradi con il territorio”. I circa 150 cavalli verranno ospitati presso una struttura che verrà allestita nei pressi del centro commerciale “Le Mura” su un campo attualmente incolto, e che verrà dunque bonificato per l’occasione. “Sarebbe bello avere la possibilità di transitare anche nel centro storico, qualora fosse possibile – conclude Romualdi – anche per rendere partecipi residenti e più in generale tutti gli abitanti. Ogni giorno sceglieremo un percorso differente (sicure le tappe di Petazzano e Torre Alta, allo studio una a Pian delle Macinare) di circa 30/35 chilometri, così da toccare quanti più punti del territorio”. Tra coloro che maggiormente hanno collaborato con l’organizzazione per la buona riuscita dell’evento ci sono l’eugubino Carlo Cicci, che da anni collabora con Transappenninica, e l’Associazione Equestre “Amici del Cavallo” di Gubbio.