Home News Ballottaggio: Presciutti Cinti annuncia tre ipotetici assessori, Stirati ha le sue certezze

Ballottaggio: Presciutti Cinti annuncia tre ipotetici assessori, Stirati ha le sue certezze

342
0
Palazzo Pretorio sede del Comune

Esce allo scoperto Marzio Presciutti, sostenuto dal centrodestra con quattro liste, e annuncia tre componenti della giunta che insedierà se vincerà domenica prossima il ballottaggio con il sindaco ricandidato Filippo Mario Stirati alla guida di tre liste di centrosinistra. Trovano conferma i nomi da noi anticipati dell’architetto Spartaco Capannelli (destinato all’urbanistica) e del dottor Giovanni Vantaggio (all’ambiente), più si aggiunge la giovane Cecilia Passeri candidata con Fratelli d’Italia al primo turno il 26 maggio scorso. Da qui a domenica è probabile che completi il gruppo degli assessori giocandosi la carta della squadra da presentare prima per fare breccia nell’elettorato dopo i risultati del primo turno (Stirati 7.307 voti pari al 39,02 per cento, Presciutti Cinti 4.265 voti pari al 22,77 per cento).

CHI SI SCHIERA. Non ci sono stati apparentamenti, come largamente prevedibile, e ufficialmente nessuno si è schierato pur con qualche endorsement pro-Stirati come hanno fatto il parlamentare e commissario regionale Walter Verini del Pd e Fabio Sebastiani del Pci («Voto Stirati ma faremo opposizione. Restano tutte le critiche sulle vicende amministrative cittadino e apprezzo l’impegno per l’accoglienza degli extracomunitari»), fedelissimo di Orfeo Goracci che ha lasciato libertà di voto dopo aver espresso le congratulazioni a Stirati per il risultato del primo turno. Tiene ancora banco il divario netto tra il dato delle Europee e delle Comunali: Lega primo partito a Gubbio con il 36,57 per cento ma alle amministrative il 13,95. Si è riproposto quanto visto nel 2014 con il Pd che alle Europee ottenne il 54 e alle Comunali il 19.

LE POSIZIONI. Stirati parte dalle proprie certezze: «Puntiamo sulla conoscenza profonda della città e dei suoi problemi. Noi abbiamo dimostrato non solo di avere la capacità di risolvere emergenze finanziarie e operative, ma anche di saperci mettere in perfetta sintonia con le aspettative e i bisogni della nostra comunità». Presciutti Cinti va all’ attacco: «Questo è il momento giusto per avere fiducia, aprirsi al futuro e credere nella possibilità di un buon governo. I punti cardine restano lavoro, ambiente, sicurezza. L’impegno prioritario è creare nuove condizioni per attrarre lavoro sul nostro territorio e permettere ai giovani eugubini di lavorare qui».