Home News Festa in piazza sognando un grande campionato. Ramacci torna a parlare. Gondo:...

Festa in piazza sognando un grande campionato. Ramacci torna a parlare. Gondo: il Rieti vuole 50mila euro

146
0
Il Gubbio in piazza Bosone

La nuova stagione del Gubbio è cominciata ieri sera in piazza Bosone con tutte le squadre maschili e femminili e i tifosi che hanno partecipato alla serata di presentazione. Il presidente Sauro Notari si è detto fiducioso in un campionato all’altezza lottando con le migliori di un girone difficile. Il direttore sportivo Giuseppe Pannacci ha parlato di obiettivi di mercato raggiunti con riferimento ai tredici volti nuovi e il tecnico Federico Guidi si è detto pronto a prendere la patente da matto. Una novità l’intervento del team manager Luciano Ramacci che non parlava da molti anni e che, alla sua undicesima stagione in rossoblù, ha ringraziato Notari e ha chiesto alla gente di stare vicina alla squadra.

AFFARE GONDO. Per il ventiduenne attacante ivoriano Cedric Gondo si cerca di stringere. Le cifre sono ormai chiare: contratto di due anni a 65mila euro a stagione oltre a 50mila euro che è la richiesta del Rieti per lasciarlo andare (il giocatore è vincolato e ha un contratto di 80mila euro fino al giugno 2020). Per ora c’è l’accordo con Gondo ma non con il Rieti. Da Viterbo fanno sapere che l’offerta del Gubbio è considerata insufficiente. Se ne riparlerà dopo Ferragosto.

CASO AGGUATO. In attesa degli sviluppi delle indagini sull’agguato di alcuni tifosi del Gubbio a un pulmino di fanesi la sera del 4 agosto scorso dopo la partita di Coppa Italia, il neonato “Insieme per il Gubbio” con il referente Piermatteo Saccucci prende le distanze dagli episodi incresciosi, si dice un’entità diversa dalla componente ultras della curva e sottolinea che nessuna raccomandazione è stata fatta dal sindaco Filippo Mario Stirati negli incontri relativamente ai fatti del 4 agosto. E’ stato lo stesso Stirati a riferire di come nell’ultimo incontro con la società, presente “Insieme per il Gubbio”, abbia fatto riferimento all’episodio che è sotto indagine da parte della Digos e dei Carabinieri della Compagnia di Gubbio invitando tutte le componenti attorno ai colori rossoblù ad avere comportamenti corretti.