Home News Guidi senza paura: “Non dobbiamo fare il pugile che scappa ma affrontare...

Guidi senza paura: “Non dobbiamo fare il pugile che scappa ma affrontare l’Arzignano a viso aperto”

50
0
Il tecnico Federico Guidi

“Giochiamo come abbiamo fatto sin qui, però evitando gli errori, specie in fase difensiva, che sono stati pagati a caro prezzo”: indica la strada Federico Guidi per portare il Gubbio alla prima vittoria in campionato, oggi al Menti di Vicenza contro la matricola Arzignano Valchiampo (ore 15). I rossoblù, tra la sconfitta di Trieste e l’ultimo 2-2 al “Barbetti” con la Virtus Vecomp Verona, hanno ottenuto un punto nelle due prime giornate che i veneti hanno invece passato senza segnare né subire gol col Piacenza in casa e l’Imolese fuori.

NON SI SCAPPA. “Il calcio è come la boxe e non dobbiamo fare il pugile che scappa ma affrontare l’avversario a viso aperto”, spiega Guidi che conferma il 4-3-3 senza anticipare le mosse, dal portiere (a quanto pare dovrebbe partire Zanellati dopo l’esordio domenica scorsa) ai nuovi Sorrentino e Cinaglia (da vedere se al via l’attaccante mentre per il difensore tira aria di panchina). Sono rimasti a casa Cenciarelli, il giovane Cenci e Benedetti appena reintegrato in rosa dopo l’iniziale esclusione decisa dal mister perché non rientrava nei piani tecnici.

BEL CALCIO. “L’Arzignano è come noi – osserva Guidi -, predilige giocare perché l’allenatore Colombo è un cultore del bel calcio. Dovremo essere aggressivi e al contempo equilibrati, portando avanti le nostre idee e la mentalità. Abbiamo lavorato tanto in settimana sotto ogni punto di vista proprio per colmare le carenze, soffermandoci su tutte le situazioni. Mai come in questa partita sono in difficoltà per scegliere l’undici di partenza”. In settimana sui social del club ha avuto risalto il drone utilizzato sul campo per riprendere schemi e movimenti dei singoli, mentre Guidi ha voltato pagina dopo che il mercato si è chiuso consegnandogli un organico con venticinque giocatori.

BENEDETTI RINFORZO. “Meno male che è finito – spiega il tecnico -, così abbiamo la rosa finalmente completa. Sono arrivati alla fine due elementi che abbiamo fortemente voluto come Cinaglia e Sorrentino, due prime scelte e che come caratteristiche integrano al meglio il potenziale. C’è poi il terzo acquisto Benedetti che è rimasto per tutta l’estate ai margini ma allenandosi con grande professionalità: è un’alternativa di spessore. Ancora non è convocato perché si è allenato troppo poco con la squadra”. Arbitra Luca Cherchi di Carbonia (guardalinee Piedipalumbo di Torre Annunziata e Nasti di Napoli).