Home News Guidi: “Siamo pronti, mi aspetto Bertoni in panchina”

Guidi: “Siamo pronti, mi aspetto Bertoni in panchina”

640
0

Federico Guidi presenta la sfida di domani del Gubbio al “Barbetti” contro la Feralpisalò (ore 15). La rifinitura ha incluso una prolungata seduta per visionare dei filmati. Non sono convocati Cenciarelli e De Silvestro.

L’anno scorso il Gubbio vinse la sua prima partita di campionato proprio alla settima giornata: ci crede ai corsi e ricorsi?

“Non ci credo, ma spero che sia di buon auspicio. Spero che arrivi questo successo, la vogliamo con tutte le nostre forze. Si avverte il peso della vittoria che manca, la meritavamo. Ci pensavo con il Fano dopo il primo tempo, poi ci è mancato qualcosa”.

Avversario di ottima qualità?

“Tra i più importanti, costruito con le ambizioni. Basta guardare i giocatori dell’organico. Sappiamo l’importanza del momento e che troveremo una squadra arrabbiata perché l’ultima partita non è andata bene. Ci sono tutte le condizioni perché sia massimale l’attenzione e per fare una grossa prestazione muovendo la classifica. Poi, i risultati sono figli di episodi e speriamo che possano girare”.

Pensa che possa essere un vantaggio il trambusto della panchina bresciana?

“Non lo so, è un terno al lotto. A volte ci sono squadre in difficoltà con i giocatori che reagiscono al di là dell’allenatore. Dipende dallo spogliatoio e dalle situazioni, dobbiamo pensare a noi stessi più che agli avversari”.

Anche stavolta rinuncerà agli under, a parte il portiere?

“Sono aperte tutte le possibilità e sono scelte condivise con la società. Sappiamo che gli under portano contributi economici. Non dimentichiamo che a Gubbio negli ultimi anni gli under sono stati un input positivo però a gennaio è stata stravolta la strategia”.

Ma la scelta da parte della società di prendere Guidi non la considera nella direzione degli under?

“Bisogna analizzare i momenti, eravamo alla sesta giornata e venivamo da una brutta gara contro il Vicenza dove eravamo mancati sul piano caratteriale perché la squadra aveva sbracato. Forse in quel momento caricare di responsabilità gli under che abbiamo, che pure sono di qualità, non era una buona cosa. Questa vigilia è diversa da quella di Rimini, la squadra ha dato una dimostrazione di aver ritrovato lo spirito battagliero”.

Chi si aspetta in panchina domani?

“Penso che ci sarà Bertoni. Anche se avranno il nuovo allenatore non credo che andrà subito in panchina e potrebbe essere in tribuna”.

Stavolta lo dice il portiere?

“Credo che giocherà Ravaglia”.