Home Attualità Progetto del Comune alla scuola media Mastro Giorgio-Nelli. Iniziativa dell’assessore Simona Minelli

Progetto del Comune alla scuola media Mastro Giorgio-Nelli. Iniziativa dell’assessore Simona Minelli

214
0
L'assessore comunale Simona Minelli

Entrano nel vivo in queste settimane i percorsi di educazione-sperimentazione alle competenze emotivo relazionali e alle competenze sociali e civiche, proposti dall’assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Gubbio alla scuola media Mastro Giorgio-Nelli . Anche per questo anno scolastico, il Comune di Gubbio nelle sue diverse articolazioni ha proposto una serie di attività alle scuole, totalmente gratuite, che hanno l’obiettivo di potenziare ed integrare la programmazione scolastica, con una particolare attenzione alla valorizzazione delle competenze di cittadinanza e soft skill.

La proposta dell’assessorato alle Politiche giovanili, guidato da Simona Minelli, per la scuola secondaria di primo grado intende sostenere la crescita ed il benessere dei ragazzi nella scuola, attraverso laboratori che mettono al centro le relazioni tra pari e le competenze emotivo – relazionali e l’educazione alla cittadinanza attiva, a partire dalla conoscenza della propria città.

Con il supporto dell’esperto di ricerca storica Fabrizio Cece, ad esempio, abbiamo deciso insieme alle docenti delle classi aderenti, di proporre un laboratorio che potesse appassionare i giovani alla storia della Città di Gubbio, attraverso la ricerca, la sperimentazione e la conoscenza di luoghi della città collegati a personaggi ed eventi storici significativi del periodo risorgimentale.

Il percorso intende coinvolgere gli alunni nella conoscenza di alcuni degli eventi principali accaduti nel periodo risorgimentale in città, attraverso la sperimentazione della metodologia relativa alla ricerca di tipo storico e la conoscenza dei luoghi deputati al reperimento delle fonti ufficiali. Il percorso accanto alla parte teorica prevede infatti attività di ricerca nella biblioteca e negli archivi della città, alla scoperta della storia delle singole figure protagoniste del periodo risorgimentale e quanto di esse rimane, nei monumenti, nei ricordi marmorei, nella toponomastica.

Per quanto riguarda invece i laboratori che lavorano sulla sfera emotivo – relazionale abbiamo voluto offrire alla scuola dei momenti, guidati da educatori esperti, per aiutare i ragazzi ad affrontare il loro percorso di crescita, caratterizzato da profondi cambiamenti e conseguenti crisi, per iniziare quanto prima a lavorare sullo sviluppo delle competenze relazionali, comunicative ed emotive.

Il contesto scolastico rappresenta uno dei luoghi privilegiati in cui favorire questi apprendimenti in quanto bambini e ragazzi vi trascorrono molto tempo ogni giorno, si trovano a condividere spazi con altri, ad interagire costantemente con un gruppo di persone, ma anche a vivere situazioni di stress legate alle richieste di prestazioni e alla competizione. Pertanto, proponiamo dei percorsi educativi in cui i ragazzi possano sentirsi liberi di esprimere la loro personalità senza essere giudicati e valutati, in cui possano imparare a rapportarsi agli altri in modo positivo, in cui possano acquisire fiducia e stima di se stessi perché portati a riflettere sulle loro qualità piuttosto che sui loro punti deboli.

Sono oltre 240 gli studenti coinvolti appartenenti a 12 classi. Il progetto si avvale di esperti esterni ed operatori della Cooperativa Asad, una delle componenti del Raggruppamento Temporaneo di Imprese che opera nella ZS 7 nell’ambito delle politiche ed interventi in ambito sociale e delle politiche giovanili, ed è reso possibile grazie alla collaborazione della Dirigente Francesca Pinna e del corpo docente.