Home Attualità L’assessore regionale Coletto: “A Gubbio primi casi positivi ai test seriologici. Sono...

L’assessore regionale Coletto: “A Gubbio primi casi positivi ai test seriologici. Sono in corso verifiche”

8120
0
Corso Garibaldi nel pomeriggio del 15 maggio

L’assessore alla Sanità della Regione dell’Umbria, Luca Coletto, in una intervista a Umbria24 ha parlato della situazione di Gubbio nell’emergenza coronavirus, rivelando le prime situazioni post-15 maggio secondo i responsi dei test sierologici: “Abbiamo iniziato lo screening con test rapidi, stiamo facendo verifiche, credo siano abbastanza avanzate, dovremmo iniziare da oggi con i tamponi, sono stati rilevati positivi. Non sono numeri importanti per niente, verificheremo entro domani, vediamo come siamo messi. E’ tutto sotto controllo”.

Alla domanda – riporta Umbria24 – se se la sente di assumersi la responsabilità rispetto al fatto che i possibili contagiati siano tutti isolati anche rispetto ai propri familiari, Coletto ha detto: “La sicurezza al 100 per cento non ce l’abbiamo. Abbiamo le liste del sindaco”.

Ma al di là delle liste del sindaco che sono relative alle persone che si sarebbero assembrate per strada nel giorno dei Ceri, le denunce di molti cittadini parlano di cene anche nei giorni precedenti tra decine e decine di persone riferite ai rispettivi rioni, anche alla presenza di anziani: “Se ci sono state cene non ne siamo a conoscenza, stiamo cercando di scontornare eventuale infezione negli ambiti che conosciamo. Poi cercheremo di allargare anche l’analisi epidemiologica cercando altri infetti. Queste cene, se sono state fatte, non le conosciamo. Cercheremo di indagare nella maniera più attenta possibile. Cerchiamo di capire come muoverci in mezzo a quella che, a questo punto, è diventata una foresta. Noi abbiamo quella lista che è ufficiale sostanzialmente. Sarebbe spiacevole e grave che da questa festa nascesse un problema importante per l’Umbria oltre che di sanità anche di economia. E l’economia può diventare una seconda pandemia anche più grave”.