Home Attualità Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, Cristina Colaiacovo e Lucio Lupini nel...

Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, Cristina Colaiacovo e Lucio Lupini nel comitato d’indirizzo

952
0
Cristina Colaiacovo

I rumors perugini danno Cristina Colaiacovo, figlia di Carlo e attuale vicepresidente, come nuovo presidente della Fondazione Cassa di Risparmio dopo l’ufficializzazione degli ultimi 10 nomi che comporranno, per i prossimi quattro anni, il comitato di indirizzo del sodalizio. Le ultime nomine seguono le 25 decise tre mesi fa. Come da statuto, questi dieci vengono scelti preferibilmente tra i soci, che sono in tutto 98. I nomi sono quelli di Camillo Bacchi (azienda Luigi Bacchi), il perugino Nicola Bastioni (lavora alla Manganelli Spa), il commercialista Alcide Casini (da tempo in Fondazione), dell’imprenditore perugino Ernesto Cesaretti (presidente di Sase), Cristina Colaiacovo, l’avvocato perugino Francesco Depretis, Lucio Lupini classe 1949, presidente dell’associazione “Maggio Eugubino” e di Confcommercio locale, l’imprenditore gualdese Matteo Minelli (Ecosuntek e Birra Flea), la perugina Daniela Monni (Officine Monni) e l’avvocato perugino Mario Rampini. Sono tre gli esponenti di Gubbio, ricordando anche il presidente onorario Carlo Colaiacovo.

Il successore di Giampiero Bianconi dovrebbe venire proprio da queste ultime nomine. E tutto lascia presagire la convergenza verso Cristina Colaiacovo, la più votata con 60 preferenze come Rampini destinato a un ruolo nel consiglio di amministrazione. Il comitato riveste un ruolo strategico perché individua, tra i compiti, i settori sui quali intervenire con i finanziamenti, approva il bilancio e nomina gli otto membri del Cda, il cui presidente coincide con quello del comitato.

“Con le nomine – spiega in una nota della Fondazione Giampiero Bianconi – abbiamo concluso l’iter per la composizione del nuovo comitato di indirizzo. In vista del rinnovo degli organi non posso che ringraziare per l’incarico di presidente che mi è stato affidato e che ho ricoperto per quattro anni con orgoglio, lavorando ogni giorno insieme agli organi per costruire una Fondazione dinamica e al passo con i tempi, avendo sempre come obiettivo principale il benessere della nostra comunità”.