Home Attualità Giovani Democratici di Gubbio: “No all’incenerimento dei rifiuti”

Giovani Democratici di Gubbio: “No all’incenerimento dei rifiuti”

516
0
Giordano Nuti, sub-commissario del circolo di Gubbio dei Giovani Democratici

Il movimento giovanile del Partito Democratico prende posizione sulla questione rifiuti. Giordano Nuti, 23 anni, iscritto sia al Pd che ai Giovani Democratici, è stato nominato sub-commissario del circolo di Gubbio e della segreteria regionale della sezione giovanile del partito di Zingaretti, ha incentrato il suo intervento sulla chiusura del ciclo dei rifiuti.

“Il Piano regionale – scrive Nuti – prevede la chiusura del ciclo facendo meno ricorso alle discariche e puntando al riutilizzo e al riciclaggio ed il recupero di altro tipo, nelle stesso Piano viene prospettato il potenziamento del sistema impiantistico di trattamento del rifiuto indifferenziato attraverso interventi di adeguamento. Non si parla di un incenerimento nei cementifici di Gubbio e Spoleto, ma anzi si parla di puntare su nuove tecnologie e la raccolta differenziata e il riciclo. Con la modifica regionale del 2015, si prospetta questa possibilità, cioè l’utilizzo di cementifici e termovalorizzatore, pur tenendo conto del rispetto ambientale e dei costi-ricavi. Da anni la nostra città è stata sempre contro all’incenerimento di qualsiasi rifiuto, ricordiamo la vicenda delle gomme bruciate all’interno dei cementifici che portò ad una mobilitazione generale. I Giovani Democratici di Gubbio, si trovano contrari a qualsiasi interesse a bruciare rifiuti nei cementifici, cercando però di salvaguardare l’interesse delle due realtà produttive e in particolare delle migliaia di lavoratori eugubini. Quindi chiediamo alla Giunta Regionale di trovare nuovi sistemi di chiusura del ciclo dei rifiuti, favorendo un aumento della differenziata e del suo riciclo. Ci impegneremo perché questo tema sia centrale nel nostro percorso di ricostruzione del circolo di Gubbio dei Giovani Democratici e allo stesso tempo anche in quello di ricostruzione del Pd di Gubbio, di cui vogliamo essere parte attiva e protagonista”.