Home Attualità Oggi il Palio della Balestra tra Gubbio e Sansepolcro. Un precedente nell’agosto...

Oggi il Palio della Balestra tra Gubbio e Sansepolcro. Un precedente nell’agosto 1958: vinse Giuseppe Faramelli

342
0
Il giovane Vittorio Baciotti trionfatore l'anno scorso in piazza Grande

Una freccia per spazzare via il coronavirus, così i balestrieri esorcizzano la pandemia tornando stasera in piazza Grande per il Palio della Balestra, la secolare sfida tra Gubbio e Sansepolcro che tradizionalmente si disputa l’ultima domenica di maggio ed è stata spostata alla vigilia di ferragosto, cosa impossibile da fare per la Festa dei Ceri. Un precedente d’agosto ci riporta al 1958 e a quando il 24 agosto il Palio venne vinto dall’eugubino Giuseppe Faramelli.

Appena duecento posti in piazza prenotati, senza tribune, con i nominativi acquisiti preventivamente, le autocertificazioni, le mascherine e i cortei storici ridimensionati per stare nelle regole sulla sicurezza. I balestrieri eugubini, guidati dal presidente Marcello Cerbella e dal maestri d’armi Rodolfo Radicchi, ripartono dai due trionfi di un anno fa, in piazza Grande a maggio con il ventiduenne Vittorio Baciotti nell’occasione esordiente e in piazza Torre di Berta con il settantanovenne Giampiero Bicchielli alla settima vittoria in carriera.

Si parte alle ore 17.45 con la suonata del Campanone, poi l’ingresso in piazza dei balestrieri che, a differenza del passato, si alterneranno al tiro su due banchi e non tre, con il confronto a colpi di balestra antica all’italiana omaggio a Sant’Ubaldo. Prevista l’esibizione degli sbandieratori, dopo l’iniziale esclusione per i risvolti anti-Covid, e alle 19.30 la proclamazione del vincitore con la consegna del drappo realizzato da Giuseppe Sannipoli.