Home Attualità Controllo politico sulla Gubbio Cultura, il Gruppo Misto ora lancia Brunetti

Controllo politico sulla Gubbio Cultura, il Gruppo Misto ora lancia Brunetti

347
0
Il consigliere comunale Alessandro Brunetti

La politica prende in mano la Gubbio Cultura e Multiservizi Srl, società interamente di proprietà comunale da anni nel mirino per i debiti e la gestione di servizi l’uno diverso dall’altro (dai musei alla farmacia e i parcheggi). La spaccatura nei Liberi e Democratici (LeD) ha prodotto la richiesta del Gruppo Misto, formato da cinque fuoriusciti del movimento civico, di avere, oltre all’assessorato ai lavori pubblici (risalgono le quotazioni di Leonardo Nafissi), il controllo politico della partecipata.

In pratica, si vuole una gestione condivisa con l’attuale amministratore, il commercialista Paolo Rocchi, per decidere le strategie su servizi, personale e bilancio della Srl. Il Gruppo Misto ha rivendicato questo compito ed è pronto a designare un proprio esponente per la delega (da consigliere comunale) che dovrà ricevere dal sindaco Filippo Mario Stirati. C’è stata una riunione di maggioranza proprio sull’argomento, con un esponente per ciascuna delle quattro forze che la compongono. Inizialmente era emerso il nome di Giovanni Manca, leader del Gruppo Misto, adesso però tutte le attenzioni si stanno riversando su Alessandro Brunetti, classe 1980, già amministratore della stessa Gubbio Cultura per un periodo dal maggio 2016 dopo essere stato assessore della Giunta Guerrini dal giugno 2011 all’aprile 2013 con deleghe agli affari generali (personale, informatizzazione servizi, semplificazione amministrativa, decentramento amministrativo), attività produttive e sportello unico.