Home News Quella telefonata per Nocciolini che ha spaventato Notari…

Quella telefonata per Nocciolini che ha spaventato Notari…

466
0
Il presidente del Gubbio, Sauro Notari (foto As Gubbio 1910)

Il presidente Sauro Notari tira le file del mercato, confrontando da una parte con il direttore sportivo Stefano Giammarioli al quale ha dato indicazioni chiare su come procedere e dall’altra con il tecnico Vincenzo Torrente che vorrebbe un colpo per fare il salto di qualità in chiave zona playoff.

Notari è ambizioso e ci tiene, vorrebbe che il Gubbio possa competere nelle posizioni migliori dopo stagioni difficili vissute sul filo del rasoio con la salvezza ottenuta dovendo stringere i denti fino all’ultimo. Il presidente fa grossi sforzi, innegabilmente, ma al contempo è rimasto solo e chi lo circonda gli crea spesso più problemi e antipatie che benefici.

Con Torrente ora vorrebbe alzare l’asticella ma conciliando tutto con il quadro economico, perciò ha dato mandato a Giammarioli di trovare, almeno per ora, giocatori a costo zero. L’ha autorizzato a fare tutte le operazioni purché non ci siano integrazioni economiche.

Nei colloqui con Torrente emerge anche un’altra linea che l’allenatore di Cetara, sempre più eroico nel muoversi in questo contesto tra mille problemi, prova a perseguire, cercando di convincere Notari a prendere un big per l’attacco. Il tecnico ha chiesto il bomber trentunenne Manuel Nocciolini della Sambendettese: il presidente ha provato ad accontentarlo ma si è spaventato davanti a 120mila euro a stagione fino al 2022, con Nocciolini peraltro non intenzionato a trasferirsi. Le telefonate per provare a prendere Nocciolini sono cadute nel vuoto: gli attaccanti costano e difficilmente si spostano da certe piazze.

Torrente, che è già passato per il mercato di gennaio 2020, è sicuramente consapevole che Notari non intende allargare i cordoni della borsa, come ha fatto anche la scorsa settimana con il prestito di Filippo Serena dal Venezia.