Home Varie Pian d’Assino, riaperto un tratto ora se ne chiude un altro con...

Pian d’Assino, riaperto un tratto ora se ne chiude un altro con un altro mese di lavori per completare un chilometro e 300 metri

964
0
La strada Pian d'Assino ostaggio dei lavori di Anas

Anas ha riaperto oggi, senza preavviso ufficiale se non un’anticipazione come possibilità annunciata dal sindaco Filippo Mario Stirati a uso e consumo del Consiglio Comunale, il tratto della strada statale numero 219 Pian d’Assino nel tratto da Gubbio Est a Padule rimasto chiuso da metà luglio.

Ma la storia dei lavori infiniti, che si segnalano al ritmo di un chilometro al mese, prosegue perché contestualmente alla riapertura di quel tratto è corrisposta l’immediata chiusura del tratto successivo, da Padule a Torre Calzolari, che rappresenta ultima tappa del progetto di risanamento della variante. Si tratta in questo caso del restante chilometro e 300 metri che non era stato completato durante la prima fase del cantiere ripartito ad aprile 2020. Il cantiere dovrebbe terminare – secondo quanto prospettato da Stirati su indicazione di Anas – in un mese (quindi metà ottobre), sostanzialmente in linea con le tempistiche drammatiche che hanno caratterizzato questo intervento sul quale sono stati investiti complessivamente 13 milioni diluiti in un anno e mezzo di lavori.

Chi si trova a transitare sul tracciato da Gubbio, dovrà uscire a Padule per poi immetersi nuovamente a Torre dei Calzolari, procedimento opposto invece per quanti saranno diretti verso Gubbio con uscita obbligata a Torre Calzolari per poi rientrare a Padule.