Home News Il bomber Nicolò Tresoldi va di corsa tra l’Hannover e la Nazionale...

Il bomber Nicolò Tresoldi va di corsa tra l’Hannover e la Nazionale tedesca Under 18

1745
0

Alla conquista della Germania, perché Nicolò Tresoldi sta trovando la sua strada dopo aver lasciato Gubbio dividendosi tre anni fa tra il calcio e il tennis con ottimi risultati in entrambe le discipline. Ne parla oggi (sabato 2 ottobre 2021) il Messaggero edizione Umbria che dedica ampio spazio a questo ragazzo. Ora Nicolò fa il centravanti a tempo pieno ed è un prezioso talento dell’Hannover 96, tanto che dopo il gol contro il Werder Brema nell’ultima partita del campionato di Bundesliga Under 19, è arrivata la convocazione con la Nazionale Under 18 per uno stage a Duisburg dal 7 all’11 ottobre.

Vuole arrivare all’appuntamento ancora più carico e si prepara a fare la sua parte anche oggi contro l’Herta Berlino negli impianti dell’Olympiastadion dove l’Italia ha vinto il Mondiale del 2006. Fisico da panzer, o da bomber se preferite. Nicolò ha compiuto 17 anni lo scorso 20 agosto, è alto 1,84 e da centravanti unisce la prestanza fisica con le doti balistiche. L’Hannover vuole blindarlo e intanto ha respinto al mittente le offerte di Milan, Borussia Dortmund e Werder Brema che si sono fatte avanti. Di questo ragazzo si parla davvero un gran bene, per le qualità tecniche e fisiche che ricalcano quelle del papà, Emanuele Tresoldi, ex terzino sinistro che ha chiuso la carriera a Gubbio, con trascorsi importanti tra l’Atalanta di Bruno Giorgi, Marcello Lippi ed Emiliano Mondonico in Serie A e la Nazionale azzurra Under 21 di Cesare Maldini campione d’Europa nel 1994.

Il giovanotto sta bruciando le tappe, è già stato convocato più volte in prima squadra dall’Hannover con una propensione a trovare la via della rete che nei campionati giovanili tedeschi lo rendono tra i migliori. Si porta dietro anche le esperienze italiane nelle sedute di allenamento con Milan, Atalanta, Fiorentina, Bologna, Roma e Perugia. Da settembre 2017 vive ad Hannover e l’ambientamento è stato rapido, con il responsabile dello sport del suo istituto scolastico che ha voluto segnalarlo all’Hannover 96 per il tesseramento scattato quasi subito. Gli impegni sportivi non lo distraggono dallo studio: il ragazzo va bene e parla correttamente tedesco, inglese e spagnolo.