Home Cronaca Droga e una pistola a salve: arrestato un trentanovenne e denunciato il...

Droga e una pistola a salve: arrestato un trentanovenne e denunciato il fratello

1016
0

I Carabinieri della Compagnia di Gubbio, nel pomeriggio di sabato scorso 9 ottobre, hanno tratto in arresto in flagranza di reato un trentanovenne pugliese e denunciato alla Procura della Repubblica di Perugia il fratello di 32 anni.

Nel corso di un servizio atto alla prevenzione della microcriminalità – riferisce una nota dell’Arma – e in particolare al contrasto dello spaccio di stupefacenti, i militari hanno proceduto al controllo di un’auto ferma all’interno di un parcheggio di un supermercato di Gubbio con a bordo due persone, risultate poi essere fratelli.

L’atteggiamento nervoso dei due e la loro presenza davanti al supermercato ha insospettito i Carabinieri, che hanno deciso di approfondire il controllo perquisendoli, fino a rinvenire un grammo di sostanza stupefacente detenuto dal fratello maggiore nella tasca dei pantaloni. Aveva anche una chiave di una stanza di un albergo di Gubbio. L’uomo è rimasto sgomento quando i militari gli hanno comunicato che si sarebbero portati presso l’hotel per estendere la perquisizione al domicilio. All’interno, infatti, hanno trovato ulteriori dieci grammi della predetta sostanza, oltre a materiale per il taglio e il confezionamento.

Nel medesimo contesto, sul sedile posteriore del veicolo, gli operanti hanno trovato uno zaino con all’interno una pistola a salve priva di tappo rosso, una parrucca, varie fascette in plastica e un rotolo di nastro per pacchi. Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro. La droga è stata inviata al laboratorio del Comando Provinciale dei Carabinieri di Perugia per le analisi di rito.

L’uomo è stato tratto in arresto per l’ipotesi di reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e denunciato all’Autorità Giudiziaria in concorso col fratello minore per il porto in luogo pubblico di oggetti atti a offendere.

Nella mattinata di oggi, lunedì 11 ottobre, si è tenuta l’udienza di fronte al giudice del tribunale di Perugia che ha convalidato l’arresto.