Home Cultura L’impronta di Francesco Allegrucci in una mostra di preziosi sigilli artistici

L’impronta di Francesco Allegrucci in una mostra di preziosi sigilli artistici

396
0
Francesco Allegrucci

L’impronta dell’indimenticabile Francesco Allegrucci, scomparso improvvisamente nel maggio scorso, è forte e apprezzabile nella mostra allestita fino al prossimo 30 gennaio.

“Arte, fuoco e ceralacca”, presso la Rocca Flea a Gualdo Tadino, espone oltre cinquanta sigilli artistici, realizzati tra il XVII e il XIX secolo, frutto della paziente ricerca di Francesco Allegrucci, raffinato collezionista di oggetti antichi, prematuramente scomparso nel maggio scorso. La moglie, Barbara Bettelli, ha caparbiamente voluto rendergli omaggio con questa mostra originale e di alto contenuto storico-artistico che fa registrare sempre più numerose presenze.

Francesco Allegrucci desiderava tanto esporre i sigilli che negli anni aveva trovato e catalogato e che rappresentano solo una parte del materiale composto di libri, stampe antiche, globi e carte nautiche facenti parte delle sue collezioni. Questo allestimento evocativo della storia, è stato reso possibile dalla disponibilità del sindaco gualdese Massimiliano Presciutti, di Catia Monacelli direttrice del Polo Museale di Gualdo Tadino e di Anna Nancy Rozzi, autorità indiscussa in campo mondiale di sfragistica, curatrice della mostra, con il contributo della Soprintendenza Archivistica e Bibliografica dell’Umbria.

“La pratica del sigillare – spiega Anna Nancy Rozzi nella brochure di presentazione – esiste dall’antichità più remota. Simbolo di identità e proprietà, il sigillo ha certificato e tutelato per almeno sette millenni beni materiali e ruoli sociali. La collezione di Francesco Allegrucci offre la possibilità di spaziare attraverso tre secoli di sigillatura con esemplari che ne evidenziano i molteplici impieghi; la diversità delle forme, dei materiali e delle funzioni si snoda dalle raffinate concessioni imperiali degli Asburgo sino agli umili stampi di pane, dai gioielli alle sante reliquie, dai sigilli ufficiali ai chiudi busta della corrispondenza amichevole. Il tutto arricchito da documenti offrendo al visitatore la scoperta delle storie che ancora si celano dietro le forme armoniose di questi antichi, fidati custodi”.