Home Attualità Giuliana De Sio al Messaggero: “Gubbio come una favola”. Applausi per la...

Giuliana De Sio al Messaggero: “Gubbio come una favola”. Applausi per la ripartenza de “Le Signorine”

682
0
Giuliana De Sio a spasso per Gubbio

Tutto esaurito e applausi a scena aperta al Teatro Comunale mercoledì 12 gennaio per Giuliana De Sio e Isa Danieli protagoniste della commedia “Le Signorine” riproposte a distanza di due anni dopo lo stop per la pandemia. Quando si riparte dopo tanto tempo è sempre qualcosa di speciale e il luogo diventa subito del cuore nel riprendere il filo.

E’ il caso di Giuliana De Sio che si è goduta appieno il centro storico e all’hotel dei Consoli, dove ha soggiornato una settimana e che lascia oggi giovedì 13 gennaio, ha goduto di bellezze e prelibatezze.

“Questo è un posto davvero magico – ha detto al Messaggero -, una città bellissima. Dalla mia camera c’è uno scorcio incredibile che mi ha fatto ripensare alle favole che leggevo da bambina. Gli occhi godono, mentre al freddo non mi abituo facilmente. Dopo giorni di intenso lavoro sono riuscita a farmi una lunga e bella passeggiata fra tanti selfie”.

Guai a rinunciare ai piaceri del palato: “Ho mangiato benissimo, tra grandi zuppe e maialini. Adoro particolarmente le colazioni che durano anche un paio d’ore”, ha raccontato sul dorso umbro del quotidiano romano.

Il ritorno sulla scena l’ha voluto fortemente: “A Messina abbandonammo tutto in fretta e furia tra la febbre e il Covid. Non vedevo l’ora di tornare con l’emozione e pure un po’ di ansia per quello che tutti stiamo attraversando. Saremo in tournée sino a fine marzo, con l’incognita del momento, nel vivere quanto di più incerto mi sia mai capitato. Mantenere l’entusiasmo non è facile, però ci si deve riuscire per avere l’attenzione del pubblico in questo spettacolo di alto intrattenimento e contenuti”.

Le prospettive? “Lavoro a un nuovo progetto teatrale da portare in giro per più stagioni, del resto quando scelgo mi devo appassionare al punto tale da non dovermene stancare. Per la tv e il cinema invece aspetto cose interessanti poiché quelle voglio fare”.

Il presente è “Le Signorine”, prodotto nel 2018. Sfrutta la comicità che si cela dietro al tragico quotidiano, con due autentiche signore del teatro che trasformano i litigi e le miserie di due sorelle zitelle in occasioni continue di gag e risate nel testo irriverente e poetico di Gianni Clementi, che ricorda come la famiglia sia il luogo dov’è permesso dare il peggio senza il rischio di perdere i legami più importanti. Due sorelle zitelle trascorrono la propria esistenza in un continuo e scoppiettante scambio di accuse. In una piccola storica merceria in un vicolo di Napoli, ormai circondata da empori cinesi e fast food mediorientali, Addolorata e Rosaria passano gran parte della propria giornata, per poi tornare nel loro appartamento poco lontano. Le due attrici offrono una grande prova riuscendo a far divertire e commuovere nei due atti della durata di oltre un paio d’ore.