Home Attualità Sauro Notari porta Motette nel gruppo Siami Spa. Il polo eugubino delle...

Sauro Notari porta Motette nel gruppo Siami Spa. Il polo eugubino delle acque minerali si allarga

954
0
Il presidente del Gubbio, Sauro Notari (foto As Gubbio 1910)

Siami Spa si espande. Il gruppo, che nel settore della produzione di acque minerali è già un importante riferimento a livello nazionale, fa capo all’imprenditore Sauto Notari, da otto anni anche presidente del Gubbio calcio, con il coinvolgimento dei figli Michele e Gabriele.

E’ presente sul mercato con i marchi Misia, Viva, Lieve, Celeste e Rugiada. Ora ha formalizzato l’acquisizione della società Motette Srl, storica realtà con sede a Scheggia e Pescelupo, proprietaria dei marchi Motette, Altea e Santa Chiara con l’acqua che sgorga dalle sorgenti del monte Motette nel parco del monte Cucco nell’appennino umbro-marchigiano.

La capacità complessiva di produzione è di circa 60 milioni di bottiglie annue, con la possibilità di confenzionare una variegata tipologia di formati in Pet. Siami Spa vanta un peso rilevante, attestandosi su un fatturato di circa 30 milioni di euro come evidenziato dai dati del 2021. Questo nuovo investimento permetterà al gruppo di rafforzare la propria posizione in termini economici.

Per l’amministratore delegato Sauro Notari l’operazione, condotta con l’assistenza dello studio Mbs Services Snc di Perugia, consentirà a Siami Spa “di far proprie delle quote di mercato più vicine ai consumatori e ai territori di riferimento. L’acquisizione di Motette è un’opportunità in quanto contribuisce a rafforzare la posizione della società anche in termini di prospettive future, in un periodo così particolare, e amplia la sua copertura sul territorio nazionale”.

Il passaggio rappresenta al contempo una solida garanzia occupazionale per l’intera area, sia a livello di occupati diretti che per l’indotto come il settore dei trasporti. Con l’altro polo d’imbottigliamento territoriale, guardando al marchio Rocchetta di Gualdo Tadino, il comprensorio dell’Alto Chiascio conferma la posizione in Umbria e nel centro Italia come uno dei maggiori poli nelle acque minerali.