Home Cronaca Addio al professor Amedeo Baldinucci, vittima dell’ennesimo incidente sulla Pian d’Assino

Addio al professor Amedeo Baldinucci, vittima dell’ennesimo incidente sulla Pian d’Assino

2227
0
Il professor Amedeo Baldinucci vittima dell'ennesimo incidente sulla Pian d'Assino (foto tratta dalla prima pagina de Il Messaggero edizione Umbria di giovedì 8 settembre 2022)

Ha destato profonda commozione la scomparsa del professor Amedeo Baldinucci. Aveva compiuto ottant’anni il 2 aprile scorso ed era molto conosciuto per la lunga attività di insegnante al liceo “Giuseppe Mazzatinti” e di storia allo sperimentale dalla seconda metà degli anni Settanta, quindi l’impegno da consigliere comunale, nell’associazionismo ambientalista e come presidente dell’Aelc (Associazione eugubina per la lotta contro il cancro).

Nel primo pomeriggio di ieri (mercoledì 7 settembre) ha perso la vita in un incidente sulla solita strada statale Pian d’Assino, poco dopo l’uscita di Padule in direzione Branca. Sono rimaste coinvolte una Volkswagen Polo condotta dal Baldinucci, una Fiat Panda e una Toyota Yaris. A fianco del professore c’era la moglie, Angela Lispi (per tutti la maestra Angela) di 68 anni nativa di Fossato di Vico, trasferita con l’elicottero in gravi condizioni al Santa Maria della Misericordia di Perugia, con altre due persone ferite.

Uno degli automobilisti sembra aver avuto un colpo di sonno piombandogli addosso (le cause sono in corso di accertamento). Sul posto si sono portati vigili del fuoco, carabinieri e vigili urbani. La strada è rimasta chiusa per qualche ora in entrambe le direzioni tra gli svincoli di Torre Calzolari e Padule, all’altezza del chilometro 12,800, con l’intervento del personale Anas e il traffico deviato sul vecchio tracciato che attraversa le frazioni.

Baldinucci, nato a Terni, è stato consigliere comunale dal 2006 al 2011 capogruppo della lista civica Verdi per Gubbio a sostegno del sindaco Orfeo Goracci. Lo si ricorda per le battaglie ambientaliste, ma anche per l’impegno nella sua frazione di Padule, tanto da scrivere il libro Padulesi illustri presentato nel 2005 sui profili di alcuni abitanti della frazione vissuti nel 1900. Da studente liceale, aveva partecipato nel 1961 alla puntata dal palazzo dei Consoli di Campanile Sera della Rai, condotto da Mike Buongiorno: si presentò con i professori Venanzio Biraschi e Luciano Fabio Stirati contribuendo al successo della città in quella vetrina televisiva.