Home Attualità Festival del Medioevo, Stirati: “Successo di pubblico e di qualità dell’offerta culturale”

Festival del Medioevo, Stirati: “Successo di pubblico e di qualità dell’offerta culturale”

215
0
Il Festival del Medioevo a Gubbio

L’Amministrazione Comunale di Gubbio ha tratto un bilancio del Festival del Medioevo. “E’ stata un successo di pubblico, di qualità dell’offerta culturale e di partecipazione – scrive il Comune – l’ottava edizione del Festival del Medioevo, che quest’anno ha avuto come tema Dinastie, famiglie e potere, con un focus particolare su Federico da Montefeltro a 600 anni dalla sua nascita. Un risultato che è frutto di un lavoro importante – sottolinea il sindaco Filippo Mario Stirati – per una manifestazione che conferma il valore di un progetto fortemente voluto e costruito anno dopo anno. Il Festival del Medioevo è una delle grandi operazioni che abbiamo voluto per la città, e il successo di questa edizione ci riempie di orgoglio e soddisfazione. Grazie dunque all’organizzazione del Festival, con il suo ideatore e direttore Federico Fioravanti, per l’impegno e l’abilità nell’aver costruito un programma così ricco e di così alto livello, grazie alle studiose e agli studiosi che sul palco di Gubbio si sono alternati, regalando alla città lezioni sempre interessanti, ricche di spunti, di approfondimenti e di altissimo valore, grazie al grandissimo impegno del nostro Servizio Cultura, per tutta l’organizzazione della manifestazione e la gestione logistica di questi giorni, grazie alle tante associazioni che ci hanno supportato e hanno preso parte al Festival, al Maggio Eugubino, alle Università dei Mestieri, ai Quartieri cittadini, agli sbandieratori, ai campanari. Grazie anche, da ultime ma non per ultime, alle scuole, alla Mastro Giorgio-Nelli, al polo liceale Giuseppe Mazzatinti e al polo tecnico Cassata: per loro quest’anno c’era un vero e proprio Festival nel Festival, che ha consentito a studentesse e studenti di godere di un Medioevo fatto a misura dei più giovani, grazie al contributo di tantissimi studiosi che hanno costruito lezioni proprio per i ragazzi. Il Festival, inserito quest’anno tra le iniziative più importanti delle celebrazioni indette dal Comitato Federico 600, è un’eccellenza di questa città, per la quale continueremo a impegnarci e a lavorare, certi dell’importanza di manifestazioni di un così alto livello scientifico e in grado nel contempo di coinvolgere attivamente un così folto pubblico”.