Home News Per il dopo-Stirati una parte del Pd pensa all’ingegnere Luigi Casagrande

Per il dopo-Stirati una parte del Pd pensa all’ingegnere Luigi Casagrande

578
0
L'ingegner Luigi Casagrande

Sorpresa nella lunga corsa per la successione di Filippo Mario Stirati che nel 2024 non potrà ricandidarsi dopo due mandati da sindaco.

Ci sono i primi sondaggi e rumors, come quelli che vogliono l’attivismo del vicesindaco Alessia Tasso che ha pensato a Leonardo Nafissi in un cartello di centrosinistra allargato e Orfeo Goracci che vorrebbe puntare su Gabriele Tognoloni, già suo alleato nel lontano 2001.

In queste ore emerge un’altra pista: un delegazione del Pd avrebbe incontrato l’ingegnere Luigi Casagrande, per lunghi anni dirigente comunale all’urbanistica, lavori pubblici e grandi opere. Casagrande, in pensione dall’inizio del 2022, viene visto come una possibilità per il centrosinistra a guida Pd, verificando gli sviluppi interni e sui potenziali alleati del partito che andrà a congresso nella prima metà del 2023. L’ingegner Casagrande avrebbe ringraziato per l’attenzione e preso tempo senza sbilanciarsi più di tanto.