Home Varie Il Gubbio strapazza i baby del Fano (6-0). In discesa la prima...

Il Gubbio strapazza i baby del Fano (6-0). In discesa la prima di Coppa Italia. Tofanari va via

790
0


GUBBIO (4-3-3): Ravaglia 6; Lakti 6 Maini 6 Bacchetti 6 (16′ st Fondacci 6) Filippini 6,5 (1′ st Zanoni 6); Malaccari 6,5 A. Conti 6 Sbaffo 7 (1′ st Meli 6,5); Battista 6 (1′ st De Silvestro 6) Cesaretti 6,5 Tavernelli 6,5 (1′ st M. Conti 6). A disp.: Zanellati, Munoz, Tofanari, Konate, Ricci, Cenciarelli, Di Cato. All.: Guidi 6.5
FANO (4-4-1-1): Mariani 5; Bonci 6 Giorgini 5,5 Prosperi 5,5 (17′ st Di Sabatino 6) Ambrogi 5,5; Montesi 5,5 (17′ st Parlati 6) Mosca 5,5 Pensorosi 5,5 (26′ st Moricoli 6) Morsucci 5,5; Berlini 6 (17′ st Paolini 6); Mainardi 6,5. A disp.: Viscovo. All.: Fontana 6
ARBITRO: Centi di Viterbo 6.
Guardalinee: Catallo e Tchato.
MARCATORI: 9′ pt Battista, 19′ pt Sbaffo, 26′ pt Tavernelli, 1′ st Malaccari, 4′ st De Silvestro, 32′ st Meli.
NOTE: spettatori 371, con 40 tifosi del Fano, per un incasso di 2.057,00 euro. Angoli: 4-1 per il Gubbio. Recupero: 0′ pt, 2′ st.

Tutto facile per il Gubbio nella prima partita ufficiale per la Coppa Italia di Serie C. Vittoria per 6-0 al “Barbetti” contro il Fano, o meglio contro la Berretti annunciata alla vigilia dalla società marchigiana per mettere le cose in chiaro sui ritardi nell’allestimento della squadra e la preparazione dopo la riammissione (in panchina solo cinque giocatori e sugli spalti quaranta coraggiosi tifosi al seguito). L’unico rischio vero col brivido che si prendono i rossoblù, tra un gol e l’altro, è il palo di Mainardi al 14′ dopo il vantaggio di Battista su punizione al 9′. La risposta è il raddoppio dopo qualche minuto di Sbaffo, implacabile di esterno destro sugli sviluppi di un angolo di Battista, e da quel momento è davvero tutta in discesa.

LE MOSSE. Ora i rossoblù torneranno in campo il 18 agosto a Teramo aspettando il risultato della gara degli abruzzesi a Fano in programma domenica prossima. Guidi presenta qualche novità: se con Tofanari in partenza ci si aspettava Lakti terzino destro, sebbene centrocampista “piccolo Gattuso” come ama definirsi, ci sono Andrea Conti (classe 2000) in mezzo al campo al posto di Ricci titolare nelle precedenti tre amichevoli e Maini centrale difensivo con Konate in panchina. Tiene banco il mercato perché sono attesi due centravanti e minimo un terzino destro con la sicura partenza di Tofanari. Se non salterà il già raggiunto accordo per il ventunenne centrocampista Mattia El Hilali (ex Milan, svincolato) il tecnico Guidi con il direttore sportivo Giuseppe Pannacci potrebbero optare per prendere due terzini prevedendo Lakti nel suo ruolo naturale a centrocampo.

Va in assoluta scioltezza il Gubbio che ottiene il tris con Tavernelli, classe 1999, già a segno nelle precedenti uscite contro Ternana (al 93′ decisivo per il Memorial “Mario Mancini”) e Livorno. L’attaccante sfrutta alla perfezione l’assist del compagno di reparto Cesaretti, schierato anche stavolta centravanti nel tridente. Chiuso il primo tempo sul 3-0, il Gubbio non si accontenta e nella ripresa al di là delle sostituzioni c’è un altro parziale analogo con le firme del capitano Malaccari, De Silvestro e Meli ultimo arrivato (con Lakti) dalla Fiorentina. Soddisfatto Guidi che fa staccare la spina ai suoi fino a mercoledì pomeriggio quando la squadra si ritroverà al Barbetti per riprendere la preparazione.