Home News Sbaffo fa doppietta e salva il Gubbio che al 92′ acciuffa la...

Sbaffo fa doppietta e salva il Gubbio che al 92′ acciuffa la Virtus Verona

1260
0

GUBBIO – VIRTUS VERONA 2-2
GUBBIO (4-3-3): Zanellati 6,5; Lakti 6,5 (29’ st Munoz 5,5) Konaté 4,5 Bacchetti 5 Filippini 5,5; Malaccari 6 (43’ st Meli sv) El Hilali 5,5 (43’ st Bangu sv) Sbaffo 7; De Silvestro 6 (18’ st Battista 6) Manconi 5,5 (29’ st Tavernelli 6) Cesaretti 6. A disp.: Ravaglia, Maini, Zanoni, Cenciarelli, Conti, Ricci. All.: Guidi 6.
VIRTUS VERONA (4-3-1-2): Giacomel 6; Pinton 6 (22’ st Curto 6) Sirignano 6,5 Santacroce 6 Manfrin 6 (22’ st Rossi 6); Cazzola 5,5 (33’ st Merci 6) Onescu 6, Casarotto 6; Da Silva 6 (1’ st Manarin 5,5); Odogwu 7 Magrassi 5,5 (38’ st Di Paola sv). A disp.: Chiesa, Sibi, Pellacani, Danieli, Fermo, Lavagnoli, Lupoli. All.: Fresco 6.
ARBITRO: Virgilio di Trapani 6.
Guardalinee: Cleopazzo e Matera.
MARCATORI: 40’ pt Odogwu (V), 8’ st Sbaffo (G), 43’ st Odogwu (V), 47’ st Sbaffo (G).
AMMONITI: Onescu (V), Filippini (G), Giacomel (V), Curto (V).
NOTE: Spettatori paganti 343, più 471 abbonati, incasso di 5.0002,31 euro. Angoli: 3-1 per la Virtus Verona. Recupero: pt 1’, st 4’.

GUBBIO – Odogwu e Sbaffo padroni della partita. Giocano un po’ come il gatto e il topo a riprendersi ravvivando una partita che stenta a decollare, ma che sul filo di lana sfugge via dalle mani della Virtus Vecomp Verona davanti al Gubbio che si salva. I veneti partono meglio nella prima mezz’ora trovando il gol allo scadere grazie a una pregevole serpentina in area di Odogwu, già in precedenza più volte vicino alla marcatura. In avvio di ripresa è Sbaffo a rianimare il Gubbio insaccando di testa su invito di Lakti prima che De Silvestro dal limite centri il palo con una sventola di rara potenza. Nel finale si rivedono gli ospiti: Zanellati salva su Manarin lanciato a rete, poi al 43’ non può nulla sulla zampata di Odogwu che approfitta di una dormita di Bacchetti e Konatè. A salvare il Gubbio ci pensa al solito Sbaffo con una rasoiata mancina che s’infila sul palo lontano.