Home Cultura Venerdì 9 luglio alle 21,15 all’emiciclo di Sant’Ubaldo Paolo Brancaleoni presenta la...

Venerdì 9 luglio alle 21,15 all’emiciclo di Sant’Ubaldo Paolo Brancaleoni presenta la raccolta “Memorie di inizio millennio 2.0”

189
0
La copertina di Memorie di inizio millennio 2.0 di Paolo Brancaleoni

La pandemia c’ha messo lo zampino, posticipando il lancio ufficiale di “Memorie di inizio millennio 2.0”. Ma Paolo Brancaleoni ha dovuto solo pazientare un po’ più del dovuto: venerdì 9 luglio alle ore 21,15, nella splendida cornice dell’emiciclo di Sant’Ubaldo, il cantautore eugubino presenterà ufficiale l’album che ha già provveduto a dare alle stampe alla fine del 2020, tanto che molti appassionati hanno già avuto modo di ascoltarlo a partire dal periodo natalizio. Alla presentazione interverranno anche don Armandino Minelli e don Stefano Bocciolesi, idealmente padroni di casa (ospiti dei Canonici Regolari Lateranensi), in una sorta di dialogo con l’autore che racconterà ciò che lo ha spinto a riproporre in una nuova veste musicale i brani che diede alla luce venti anni fa, cioè a cavallo del nuovo millennio. Un lavoro prezioso di cui Brancaleoni si sente giustamente orgoglioso, e del quale cercherà di raccontare aneddoti e segreti.

VIDEO SUL WEB. Durante la serata verranno proposti tanti brani dal vivo, potendo godere di un panorama e di un colpo d’occhio unico nel suo genere. Nei giorni scorsi sono già stati resi noti due video musicali relativi a due brani presenti all’interno della raccolta: uno riguarda “Tempo che cambia”, di e con Alberto Fortis, creato da Giampaolo Pauselli con immagini tratte dal video “Time” del regista eugubino Renato Maria Rogari. Il secondo è riferito a “Strane sensazioni”, omaggio a Erriquez, cantante dei Bandabardò, prematuramente scomparso a inizio 2021. Si tratterà in ogni modo di un vero e proprio prologo di un’estate che si preannuncia densa di appuntamenti, con Brancaleoni che sarà protagonista il 10 agosto al Teatro Romano in una delle serate di Oltrefestival, alla presenza di Paolo Benvegnù e Marino Severini dei Gang.