Home Attualità Gianni Francioni premiato dal Coni per la carriera in campo, in panchina...

Gianni Francioni premiato dal Coni per la carriera in campo, in panchina e da educatore

1279
0
Gianni Francioni premiato a Todi

La straordinaria carriera di Gianni Francioni racchiusa nel prestigioso riconoscimento della Palma di Bronzo al merito tecnico che gli è stata conferita dal Coni e consegnata dal Coni Umbria, dopo la lettera del presidente nazionale Giovanni Malagò nella quale si evidenza che per “questa onorificenza l’organizzazione sportiva nazionale, oltre che attestare le capacità e i risultati conseguiti, desidera esprimere profonda riconoscenza per l’impegno dedicato allo sport in tanti anni”.

La ribalta per lui alla festa dello sport umbro organizzata dal Coni regionale al Teatro Comunale di Todi con atleti, tecnici e dirigenti che si sono particolarmente distinti e hanno ricevuto le benemerenze (medaglie al valore atletico, palme al valore tecnico e stelle al merito sportivo). Francioni è stato premiato dal presidente regionale del Coni, Domenico Ignozza, e dal prefetto di Perugia, Armando Gradone, per i trascorsi in campo come bandiera del Gubbio, da allenatore ed educatore dei giovani, in piena sintonia con lo spirito olimpico.

Malagò aveva espresso le congratulazioni sottolineando le qualità nel percorso sportivo di Francioni, da sempre stimato per lo spessore umano e professionale. Francioni, insegnante di educazione fisica e allenatore di lungo corso, è stato tra i premiati con i migliori nomi dello sport umbro, compresi gli atleti olimpici che hanno rappresentato la regione a Tokyo.

Si tratta dell’ennesimo attestato per una bandiera del calcio eugubino, ricordando le oltre 700 partite in campo in 18 stagioni da difensore sempre corretto e leale con la maglia rossoblù, oltre ai 15 anni tra la panchina della prima squadra e soprattutto nel vivaio con la responsabilità del settore giovanile. E’ stato anche referente tecnico federale per le nazionali dilettantistiche. Il suo spessore umano e professionale l’ha portato a lasciare una bella impronta anche in altre realtà, come a Valfabbrica, Casacastalda, Nocera Umbra, Angelana, Cannara e con il Branca Fontanelle. Da giocatore ha chiuso la carriera con Bastia e Pianello.