Home Cultura “Lince Pardina e altre storie”, le emozioni della natura nel libro di...

“Lince Pardina e altre storie”, le emozioni della natura nel libro di Maurizio Biancarelli

299
0

Viene presentato domani, sabato 10 dicembre, alle ore 17 nella sala Trecentesca di palazzo Pretorio il nuovo libro del fotografo Maurizio Biancarelli. “Lince Pardina e altre storie” è un viaggio tra le emozionanti esperienze in natura vissute dall’autore nell’Appennino e in altri luoghi lontani diventano storie di animali ripresi liberi nel loro ambiente. Scene del quotidiano, curiosità e drammi della vita selvaggia si intrecciano e lasciano trasparire bellezza, complessità e fragilità del mondo. Biancarelli è fotografo naturalista da oltre trent’anni e da una ventina è professionista e fa parte del team di fotografi Nikon Nps. Nel tempo i suoi scatti suggestivi sono stati pubblicati in molte riviste e libri, sia in Italia che all’estero. Ha al suo attivo numerose mostre, organizza workshop, tiene conferenze e ha partecipato a giurie di concorsi internazionali e a importanti progetti collettivi. È stato scelto nel progetto Wild Wonders of Europe e i suoi scatti hanno ricevuto riconoscimenti nei più prestigiosi concorsi internazionali, tra i quali il Veolia Wildlife Photographer of the Year, organizzato da Bbc e Natural History Museum di Londra. Questo è il suo ottavo volume fotografico.

«Negli anni è maturata in me la sempre più profonda convinzione – spiega Biancarelli – che la fotografia naturalistica debba raccontare storie. Il mondo naturale nel quale siamo immersi è meraviglioso e complesso, fragile e misterioso e sconosciuto, o conosciuto troppo superficialmente. I miei luoghi di azione sono l’Appennino e l’area mediterranea, le mie radici, sentendomi particolarmente a mio agio anche nel Grande Nord che frequento con continuità. La voglia di raccontare diverse tra le più entusiasmanti esperienze vissute negli ultimi anni è stata la molla che mi ha spinto a pubblicare questo nuovo libro con dieci storie vissute intensamente e rese vive dalle immagini e dalle parole che le accompagnano».