Home News Bundesliga 2 al via, Nicolò Tresoldi entra e segna il suo primo...

Bundesliga 2 al via, Nicolò Tresoldi entra e segna il suo primo gol nei professionisti

1112
0
Nicolò Tresoldi dopo il gol che ha permesso al suo Hannover 96 di fare 2-2 contro l'Elversberg che vinceva 2-0

Coglie l’attimo fuggente Nicolò Tresoldi che questo momento l’aveva sognato a lungo. Il suo primo gol nei professionisti è arrivato. Ha scelto la prima giornata del campionato di Bundesliga 2, la seconda divisione tedesca, per prendersi la scena come meglio non si potrebbe. L’attaccante, cresciuto tra Oratorio Don Bosco Csi, Atletico Gubbio e Fontanelle, compirà 19 anni il prossimo 20 agosto, è in forza all’Hannover 96 che l’ha blindato con un contratto fino al 2026 ma è pronto a fargli spiccare il volo.

Contro L’Elversberg, in casa dove l’ovazione del pubblico ha accolto il suo ingresso in campo, è entrato al 25′ del primo tempo al posto dell’infortunato Nielsen, il centravanti titolare. Dopo una ventina di minuti in campo ha saputo conquistarsi un calcio di rigore che ha riaperto la partita e fatto accorciare le distanze all‘Hannover 96 sotto di 2 gol, ma è al 9′ della ripresa che succede quello che molti stavano aspettando: cross dalla destra e Nicolò in anticipo sul primo palo ha messo la palla in rete davanti a 30mila spettatori in visibilio.

Per Tresoldi junior, figlio di Emanuele terzino sinistro con trascorsi in Serie A nell’Atalanta di Mondonico e in azzurro Under 21 con Prandelli, è il primo raccolto di una buona semina partita nel 2017 quando si è trasferito tredicenne in Germania con la famiglia. Un responsabile dell’istituto scolastico ne intuisce subito le qualità e lo segnala all’Hannover 96 che lo prende. Si divide così tra la scuola e il campo di calcio inseguendo i suoi sogni con buoni risultati su ambo i fronti, facendo una scelta precisa visto che amava anche il tennis dopo le convocazioni nella nazionale giovanile tennistica italiana.

In Germania è riuscito a farsi apprezzare nei campionati giovanili segnando tanti gol fino alla convocazione nelle nazionali giovanili tedesche, mentre in azzurro non è stato fin qui preso in considerazione. Quando stava in Italia si sono interessate a lui, con stage e situazioni in divenire, Milan, Fiorentina, Bologna, Atalanta, Perugia, Roma. Centravanti moderno, 186 centrimenti di altezza, buone qualità tecniche e colpo di testa. Oggi è tra pochi 2004 a giocare nei massimi campionati tra Bundesliga e seconda divisione nel ruolo di centravanti. Già la stagione scorsa è stato utilizzato in campionato, anche da titolare, dando dimostrazione di una crescita costante con forti attenzioni in Germania.

Ora va in cerca di consacrazione. Domenica prossima nella trasferta di Norimberga farà di tutto perché il sogno continui.