Home Attualità A Gubbio il diciottesimo convegno provinciale dell’Unione nazionale Cavalieri d’Italia

A Gubbio il diciottesimo convegno provinciale dell’Unione nazionale Cavalieri d’Italia

723
0

Una settantina di ospiti a Gubbio, domenica scorsa 3 settembre, per il diciottesimo convegno provinciale dell’Unci-Unione nazionale Cavalieri d’Italia, associazione di promozione sociale costituita da cittadini insigniti di onorificenze cavalleresche dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, attiva in ambito nazionale con migliaia di iscritti, che annovera molte decine di aderenti anche in provincia di Perugia, suddivisi nelle varie classi dell’Ordine.

La Sezione di Perugia, costituita nel 2004, ha acquisito negli anni attenzioni e considerazione da parte di autorità politiche, amministrative e del mondo accademico e ha ottenuto nell’anno 2015 l’iscrizione all’Albo d’oro del Comune di Perugia, segno di apprezzamento per i valori che rappresenta e per la missione che Unci svolge anche in ambito locale.

L’incontro ha avuto inizio nelle sale medievali di via del Camignano, alla presenza dei sindaci di Gubbio, Filippo Mario Stirati, e Magione, Massimo Alunni Proietti, con una rappresentanza dell’Arma dei Carabinieri e dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro, dei presidenti delle sezioni di Udine e Treviso-Belluno. C’è stata la relazione del presidente provinciale Franco Binaglia sulle attività del sodalizio nel corso dell’ultimo anno, cui è seguito il saluto delle autorità.

È seguita la consegna del Premio Unci-Città di Perugia riservato a insigni clinici, accademici, ricercatori, operatori sociali e del volontariato, imprenditori, artisti che si siano distinti nel loro ambito professionale in studi, ricerche ed attività che abbiano prodotto benefici in campo sanitario, sociale ed artistico, conferito quest’anno al professor Patrizio Caldora, chirurgo ortopedico, direttore dell’unità di chirurgia protesica tobotica presso l’Irccs sspedale San Raffaele di Milano. Nel suo intervento, il Professor Caldora ha illustrato i progressi raggiunti nel campo della chirurgia protesica ortopedica e traumatologica ottenuti con l’impiego di strumentazioni robotiche all’avanguardia che permettono all’operatore di intervenire con estrema precisione in tutte le fasi dell’intervento, riducendo al minimo complicazioni, dolore e tempi di recupero.

C’è stata la consegna dei diplomi ai nuovi soci e a quattro soci fondatori che sul finire del 2003 avviarono le procedure per la costituzione della sezione provinciale di Perugia.

Da quest’anno ha preso avvio il progetto “I valori degli Ordini cavallereschi”, illustrato dall’ingegnere Claudio Ricci con la presentazione della storia degli Ordini religiosi cavallereschi. La professoressa Dianella Gambini, docente ordinario di lingua spagnola all’università per stranieri di Perugia ha presentato il relatore, il professor Paolo Giuseppe Caucci Von Saucken, docente universitario, storico e saggista, autorità di rilievo mondiale nello studio delle vie del pellegrinaggio cristiano nel Medioevo, che ha tenuto una lectio magistralis su “La secolare storia del Sovrano Ordine dei Cavalieri di Malta”. Al professor Caucci Von Saucken è stato conferito il diploma di benemerenza rilasciato dal presidente nazionale dell’Unci, Maurilio Ravazzani, con la motivazione “Eminentissimo studioso delle vie del pellegrinaggio cristiano nel Medioevo, in particolar modo del Cammini di Santiago di Compostela a cui ha dedicato gran parte della sua vita e delle sue ricerche”. Il convegno provinciale del 2024 è stato fissato per il 15 settembre.