Home Cronaca Furti a raffica e c’è chi fotografa il ladro in casa postando...

Furti a raffica e c’è chi fotografa il ladro in casa postando tutto su Facebook

1036
0
Il post su Facebook che denuncia un ladro in azione

Non danno tregua i ladri. Ci sono raid a getto continuo che stanno gettando nel panico i residenti nel centro storico, nell’immediata periferia e nelle frazioni. Crescono ansia e preoccupazione per il dilagare del fenomeno che sta colpendo in modo indiscriminato senza alcuna forma di deterrente. Aumentano gli episodi segnalati, al di là delle denunce formali alle forze dell’ordine, che si stanno moltiplicando a dismisura, con le famiglie che in qualche caso si attrezzano installando i sistemi di allarme in proprio e al contempo pressano l’amministrazione comunale affinché trovi soluzioni per potenziare la sicurezza con la videosorveglianza e i pattugliamenti.

C’è un protocollo istituzionale che non ha dato alcun risultato concreto, mentre il sindaco Filippo Mario Stirati ha annunciato nei mesi scorsi un piano d’intervento per l’installazione delle telecamere che al momento però non si vedono. L’escalation non conosce confini, da est e ovest a tutte le ore, anche quando ci sono persone all’interno che in qualche caso riescono a sventare ma in altre situazioni sono costrette a subire comunque la presenza e la razzia di oggetti ai piani inferiori delle abitazioni visitate.

A Zappacenere sono state prese di mira due abitazioni e in un caso è stata addirittura scattata una foto dall’esterno per essere poi postata sui social dove si vede il ladro ripreso a distanza mentre è intento a perlustrare gli ambienti. C’è anche un appello per trovare il modo di identificarlo, ma l’iniziativa è rischiosa violando sostanzialmente la privacy (altra cosa è consegnare le foto ai carabinieri per le indagini).

Poco distante, in via Carducci, ignoti sono entrati salendo attraverso una grondaia. Modesto il bottino, più che altro ci sono stati danneggiamenti. Sempre a est, nella zona di San Bartolo a Padule sono stati rubati in un appartamento 3.000 euro lasciando le stanze a soqquadro, con altri blitz a ottobre e il furto perfino della targa di un’auto. Tra Spada e Torre dei Calzolari da un’abitazione al secondo piano è stato portato via un portafoglio con 300 euro: si è accorto il proprietario che era rientrato proprio perché l’aveva dimenticato. Verso il perugino, blitz in una casa a Mengara sulla strada Eugubina accedendo da una proprietà privata recintata, mentre a Monteluiano i ladri sono stati messi in fuga da un potente allarme attivato da sensori. A ovest, malviventi in azione scassinando una porta finestra in un’abitazione con molta luce all’esterno: dev’essere accaduto qualcosa che li ha spaventati, tanto da scappare in tutta fretta senza portare via nulla. Infine, tra le frazioni di Raggio e Mocaiana un furto è stato sventato dai cani che hanno abbaiato mentre qualcuno cercava di entrare in casa da una parete: i proprietari si sono accorti e hanno costretti gli ignoti alla fuga.