Home News Centrodestra: “Compatti su Vittorio Fiorucci”. Ma i malumori restano

Centrodestra: “Compatti su Vittorio Fiorucci”. Ma i malumori restano

626
0
Il dirigente di banca Vittorio Fiorucci

“Il centrodestra compatto, formato da Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia, raccogliendo con entusiasmo l’appello lanciato dal comitato Gubbio Civica, condivide e appoggia convintamente la candidatura a sindaco di Gubbio di Vittorio Fiorucci”: comincia così un comunicato delle tre forze che sostengono Fiorucci. La compattezza è però messa a dura prova da malumori interni, con ventilate fuoriuscite non condividendo il metodo e il merito che hanno portato alla scelta del candidato.

“Il profilo di Vittorio – scrive il centrodestra – rappresenta la sintesi perfetta tra società civile e partiti politici. La sua forte appartenenza alla comunità eugubina, le competenze, le capacità manageriali e la predisposizione al dialogo aperto e non ideologico con il mondo civile, economico e associativo del territorio eugubino, garantiranno alla città quel cambiamento che si rende necessario dopo troppi anni di sinistra al potere. Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia, unitamente a Gubbio Civica, si sono già messi al lavoro per mettere a disposizione di Vittorio Fiorucci le proprie esperienze e individuare la squadra migliore, in termini di competenze e capacità, per affiancarlo in questo percorso. Solo attraverso l’impegno comune animato dall’amore per Gubbio, riusciremo nell’obiettivo di risollevare una città abbandonata a sé stessa, a causa dell’immobilismo e degli errori della sinistra. Una città che presenta problemi di vivibilità sotto molti punti di vista, con un tessuto economico e imprenditoriale in sofferenza, priva di quel sostegno efficace alle problematiche sociali che dovrebbe essere garantito da un’amministrazione degna di tale nome. Il filo conduttore politico che lega Comune, Regione e Governo, garantito esclusivamente dalle forze di centrodestra, risulterà decisivo per rimettere al centro del progetto politico la nostra Gubbio e consentirle di riconquistare il posto che le spetta”.