Rimani aggiornato su tutti gli eventi di Gubbio!

LeD e Città Futura non la schiodano: ora la resa dei conti. Intanto Mauro Salciarini dei 5 Stelle difende Stirati pensando all’alleanza

Palazzo Pretorio sede del Comune

Quasi tre ore e mezza di riunione per non trovare la quadra. LeD e Città Futura dalle 18 di stasera (domenica 10 marzo) hanno provato la via politica per la candidatura unitaria del centrosinistra ma ciascuno resta sulle proprie convinzioni. I LeD propongono la continuità con il vicesindaco Alessia Tasso, mentre Città Futura insiste con un’alternativa per la discontinuità dopo aver proposto Leonardo Nafissi.

Tasso e Nafissi non hanno partecipato. Domani sera (lunedì 11 marzo) ci sarà la resa dei conti al tavolo del campo largo del centrosinistra dove sono attesi anche i responsabili regionali che stanno spingendo per un’intesa generale a tutti i costi. I LeD vogliono chiudere la partita, ma per il momento l’intesa sul candidato non c’è.

In questo rebus s’inserisce l’esternazione social del consigliere comunale Mauro Salciarini del Movimento 5 Stelle apparentemente all’opposizione perché è minoranza in Consiglio Comunale e al contempo tratta con la maggioranza per far parte della coalizione con i LeD criticati per dieci anni. Salciarini si è occupato di calcio e della vittoria del Gubbio e della vittoria contro l’Arezzo martedì scorso 5 marzo scendendo in difesa del sindaco Filippo Mario Stirati criticato dai tifosi tra i cori e le reazioni social.

Per il grillino della nouvelle vague Salciarini invece ci sarebbero stati solamente dei fischi per il blackout e rivolti evidentemente alle torri dei fari. A Salciarini, oppure a chi gli ha riferito, sono sfuggite le esternazioni critiche nei confronti dell’Amministrazione Comunale della quale evidentemente ambisce a fare parte dopo aver dimenticato con facilità (come i suoi compagni di partito a Roma e a Perugia che dettano la linea) i fondamenti del movimento con le feroci critiche e accuse ai partiti come il Pd con i quali adesso sta trattando per l’alleanza per le elezioni comunali di giugno. Per Salciarini fa fede e va “elogiata” soltanto la risposta del sindaco Stirati: cosa non si fa per tentare la scalata al potere, si fa per dire.