Rimani aggiornato su tutti gli eventi di Gubbio!

Lucia Gaggiotti e la mimosa senza calorie per la festa della donna

La giovane imprenditrice eugubina Lucia Gaggiotti

L’occasione sarà la festa della donna, domenica prossima 8 marzo, con una mimosa versione light fortemente ipocalorica. “L’abbiamo pensata e realizzata proprio per l’occasione – racconta la giovane imprenditrice eugubina Lucia Gaggiotti -, ci sono volute tante prove e molta pazienza realizzando una pastafrolla con pochissime calorie dosando attentamente il burro e attraverso componenti tutti naturali, come appunto la stevia, per ottenere un prodotto leggero e allo stesso tempo gustoso. Vogliamo andare incontro alle tante richieste dei clienti che chiedono perfino dolci e salati senza latte né lievito”.

C’è modo e modo di farsi prendere per la gola, almeno di questi tempi dove si è aperta una lotta senza quartiere all’eccesso di calorie. E allora prende sempre più piede il light, conciliare cioè la passione per le cose più succulente con la possibilità che siano anche più salutari. Per questo Lucia Gaggiotti ha affrontato una sfida speciale: varare prodotti freschi di pasticceria per chi vuole stare attento all’accumulo di zuccheri e grassi, rivolgendo torte e salati pure ai diabetici.

Nei suoi locali il Ghiottone, il bar in piazza Bosone a San Martino, e a Semonte dove gestisce una pasticceria, ci sono i banconi con le quotidiane proposte tradizionali e una linea ipocalorica direttamente dal laboratorio a Semonte dove c’è la produzione di torte, dolci, pasticcini e chi più ne ha ne metta. “A Gubbio siamo i primi – spiega Lucia Gaggiotti – e non conosco in Umbria chi usa al posto dello zucchero la stevia rebaudiana. Si tratta di una pianta erbaceo-arbustiva perenne, di piccole dimensioni, della famiglia delle asteraceae, che nasce sulle montagne fra Paraguay e Brasile, nota per essere utilizzata come dolcificante ipocalorico naturale”.

Ha pensato anche ai biscotti al pecorino così come ai dolci al carbone attivo, stuzzicando la fantasia che anche nelle ristrettezze vuole la sua parte al di là del gusto originario. Lucia Gaggiotti si è spinta oltre nella preparazione dei salati ricorrendo a diversi tipi di pane, da quello di Altamura con farina non trattata e più digeribile, all’integrale, il nero al carbone attivo vegetale, fino al pane rosso con la barbabietola ricchissimo di vitamine. Mai mettere limiti alla fantasia, pure negli spuntini.