Rimani aggiornato su tutti gli eventi di Gubbio!

Spencerhill Festival con gli studenti del Cassata-Gattapone preziosi collaboratori

Il gruppo del Cassata-Gattapone che ha collaborato allo Spencerhill Festival 2023

Le migliaia di presenze allo Spencerhill Festival, sul quale si sta facendo il bilancio in termini di adesioni e impatto sulla città, hanno richiesto un grosso sforzo organizzativo con il coinvolgimento anche di volontari che hanno dato un apporto importante nelle giornate della kermesse. La giornalista Elisa Neri, che ha curato l’ufficio stampa dell’evento in onore di Bud Spencer e Terence Hill, ha sottolineato come sette giovani dell’istituto scolastico guidato da David Nadery abbiano collaborato in modo proficuo.

“Come festival – spiega Neri sui social dove ha postato una foto di gruppo – abbiamo fortemente voluto offrire dei tour gratuiti anche in inglese per portare i fan italiani e stranieri dei due attori a conoscere la città di pietra, incentivando così l’uscita dall’area di piazza Quaranta Martiri. Ci sono stati75 iscritti per i due turni giornalieri organizzati dal venerdì alla domenica. Gli studenti hanno collaborato al punto informazioni e alla biglietteria mettendosi così alla prova in vista del prossimo futuro lavorativo. Tutto possibile grazie al lavoro costante e amorevole delle professoresse Annalisa Nardelli e Gessica Bazzucchi. Bravi tutti ad aiutare Gubbio a mostrarsi bella, giovane e competente”. Elisa Neri ha esaltato anche il lavoro di un gruppo di ragazze eugubine che “ha affrontato una sfida grande, bella, nuova e che parlava perlopiù tedesco. Questo gruppo ha tenuto alta la bandiera della bella italianità quella fatta di donne in gamba, lavoratrici, instancabili anche dopo ore e ore di emozioni, affidabili e sempre gentili e sorridenti. Gubbio ha fatto un figurone agli occhi dello Spencerhill Festival non solo per la bellezza e l’accoglienza ma anche per la forza e per la serietà di queste amiche che sanno cosa significa lottare”. Neri ha ringraziato il direttore del festival, Matteo Luschi, citando le collaboratrici Valeria Zagnoli, Valentina Ronchi, Elena Venerucci ed Elisa Lupatelli con tanto di foto di gruppo.