Rimani aggiornato su tutti gli eventi di Gubbio!

Via i tamburini e il trombettiere: cambiato il programma del 15 maggio. Petizione popolare per chiedere riti senza coinvolgimenti

Photo Studio Gubbio

La sollevazione popolare ha prodotto effetti immediati sul programma del 15 maggio a Gubbio. Una riunione d’urgenza ieri sera del tavolo dei Ceri, voluta e presieduta dal sindaco Filippo Mario Stirati, ha apportato due modifiche agli appuntamenti previsti nel “Tributo a Sant’Ubaldo” ufficializzati mercoledì scorso e successivamente ritirati dopo le feroci critiche sollevate soprattutto sui social.

Non ci saranno la sveglia alla città dei tamburini alle ore 6.30 e la cavalcata sul percorso dei Ceri del trombettiere che era stata fissata alle 18. Questo è stato deciso all’unanimità dalle componenti ceraiole che costituiscono il tavolo. Sono stati confermati gli altri appuntamenti, come la visita al cimitero cittadino e al mausoleo dei Quaranta Martiri.

Sta girando in queste ore una lettera-petizione rivolta al sindaco per rimuovere alcune parti del programma inizialmente ufficializzate, fino a chiedere che tutti i riti siano partecipati dal solo sindaco e dal vescovo senza altri coinvolgimenti, anche nel rispetto di quanto previsto dall’ultimo decreto Conte che nell’emergenza coronavirus vieta manifestazioni e assembramenti. Su questo specifico punto non ci sono stati pronunciamenti ufficiali, che il sindaco potrebbe chiarire a mezzogiorno in una conferenza stampa dove verranno rese note le decisioni assunte ieri sera.