Home Attualità Area per cani nel parco archeologico del Teatro Romano, l’assessore Valerio Piergentili...

Area per cani nel parco archeologico del Teatro Romano, l’assessore Valerio Piergentili fa il punto sui lavori

299
0
L'area per cani nel parco archeologico del Teatro Romano

L’assessore ai Lavori Pubblici, Valerio Piergentili, interviene sulla situazione dei lavori in corso presso l’area di sgambatura cani che sorgerà nel Parco del Teatro Romano, a Gubbio. “Questa operazione arriva – precisa l’assessore – per dare risposta a una vera e propria moltitudine di cittadini cha da tempo chiedeva un’area di sgambatura per gli animali a quattro zampe, sollecitata anche dall’intero Consiglio Comunale. I lavori non hanno subito alcun tipo di blocco o stop, né da parte della Sovrintendenza, che ha dato parere positivo, né da chissà chi altro, né ci sono state modifiche rispetto al progetto iniziale, che continua a prevedere l’installazione di panchine e di una fontanella in ghisa per l’acqua. Tra l’altro la ditta che sta eseguendo i lavori è categorizzata come Os25, ossia specializzata in scavi archeologici, e le pietre rinvenute all’interno dell’area sono state collocate perimetralmente alla stessa, a tutela del materiale ritrovato e della sicurezza dei fruitori del parco. Quanto alla zona individuata, si tratta di un’area del parco che da anni era lasciata in stato di abbandono, né era fruibile per nessuno: proprio questo aspetto ha fatto sì che, d’accordo con la Sovrintendenza, tale area si potesse destinare agli amici a quattro zampe, così come avviene in molte altre città d’Italia. Penso per esempio, solo per citare una delle ultime, inaugurata due anni fa, all’area di sgambatura cani sorta in una delle zone più spettacolari di Roma, il Parco di Castel Sant’Angelo, dove è stato risistemato il fossato esterno del castello, lato Palazzo di Giustizia, ed è nato un parco dove poter far correre e giocare i cani. Quanto prima, dunque, anche la città di Gubbio avrà una nuova area del Parco fruibile, nonché una zona dove gli animali possono correre e muoversi in libertà, un segno di civiltà per ogni città che voglia essere tale e una risposta concreta a decine e decine di richieste pervenuteci in questo senso”.