Home News Damiani rientra in Giunta: dimissioni non più “definitive e irrevocabili”. Il centrodestra...

Damiani rientra in Giunta: dimissioni non più “definitive e irrevocabili”. Il centrodestra ha incontrato Italia Viva e Rinascimento Eugubino

564
0
Gabriele Damiani con a sinistra il sindaco Filippo Mario Stirati

Colpo di scena nella sgangherata politica eugubina tra cambi di casacca, transumanze e dimissioni fantasma. Gabriele Damiani ha deciso di rientrare in Giunta. Ha scelto, pressato soprattutto dal suo partito (Socialisti), di ritirare le dimissioni che la mattina del 3 novembre scorso in una nota aveva ufficializzato come “definitive e irrevocabili” dopo una lite furibonda con il dirigente comunale Raoul Caldarelli. L’annuncio è atteso domani mattina (lunedì 4 dicembre) dal sindaco Filippo Mario Stirati che aveva ritirato le deleghe e provvederà a riassegnarle.

I Socialisti hanno spinto molto su Damiani, che a questo punto potrebbe ripensarci anche rispetto alla candidatura per le prossime elezioni di giugno 2024 che ha più volte pubblicamente escluso. Lo stesso partito aveva dato a Stirati pure un piano B: le deleghe su sport e associazioni al consigliere comunale e provinciale Francesco Zaccagni, pur senza nominarlo assessore, trattenendo per sé il turismo. I Socialisti, insomma, avrebbero continuato in ogni modo a mantenere la fetta di potere che volevano preoccupati soprattutto delle ripercussioni in campagna elettorale verso giugno.

Le indiscrezioni circolate questa mattina (domenica 3 dicembre) sul ritorno di Damiani nella Giunta Stirati sono state accompagnate da sarcasmo e ironia sulle “consolidate tentazioni poltronare dei Socialisti” (viene detto), fino alla considerazione pesante che “Palazzo Pretorio è diventato come un albergo a ore più che una residenza comunale”.

Sul fronte centrodestra c’è una novità: Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia hanno avuto un incontro con Italia Viva e Rinascimento Eugubino per verificare un terreno di possibile intesa. Si sono affrontate varie tematiche con la coalizione che si riconosce nel governo Meloni che ha preso tempo fino ai primi di gennaio per proporre una candidatura a sindaco in grado di calamitare le altre forze, come le stesse Italia Viva e Rinascimento Eugubino oltre a Gubbio Civica che ieri mattina (sabato 2 dicembre) ha presentato il comitato aprendo la strada alla lista che presenterà alle prossime elezioni.