Home News Gubbio, notte con l’Entella per ripartire. Novità tra i convocati: l’attaccante Riccardo...

Gubbio, notte con l’Entella per ripartire. Novità tra i convocati: l’attaccante Riccardo Mancini, classe 2007

570
0
Piero Braglia

Resettare tutto e ripartire dopo il capitombolo nell’infrasettimanale a Carrara seguito alla striscia impressionante di sette vittorie, di cui quattro consecutive, e un pareggio. La notte di oggi, con il posticipo al “Barbetti” (lunedì 19 febbraio, ore 20:30) contro la Virtus Entella, serve proprio a questo e non c’è da fidarsi dei liguri che hanno speso un botto di soldi pure quest’anno ma la classifica non è granché ritrovandosi al liscio della zona playoff senza aver mai aver lottato nelle prime posizioni.

Braglia sarà costretto in tribuna per squalifica, così come non ci sarà per lo stesso motivo il capitano Signorini, oltre a Bernardotto che sta superando l’infortunio (“Lo staff sta facendo un grande lavoro e i tempi si sono accorciati di molto, se tutto va bene lo riavremo a disposizione dopo la prossima gara a Olbia senza rischiare nulla sennò aspetteremo una settimana in più”, spiega l’allenatore).

Non dovrebbero esserci particolari sorprese nel collaudato 4-3-2-1 che sta alla base della rimonta in classifica, con Pirrello e Tozzuolo destinati a fare la coppia centrale difensiva per guardarsi dal potenziale offensivo dell’Entella, priva degli squalificati Petermann a centrocampo e in attacco dell’ex Montevago, fermato per tre giornate dopo aver colpito con un pugno al volto un avversario nella sconfitta in casa contro la Carrarese. Ci sono altri due ex, il titolarissimo Bonini prodotto del vivaio di Chiavari e Portanova approdato a gennaio che nell’1-1 di mercoledì scorso a Olbia è rimasto tutta la gara in panchina, con il tecnico Gallo in cerca di uno scossone perché 5 pareggi in 6 giornate senza vittorie (l’ultima ad Ancona il 7 gennaio) è un ruolino al minimo che pesa.

Braglia chiede attenzione su tutti i fronti, con la difesa del fortino Barbetti imbattuto da marzo 2023 e il pericolo giallo per sette giocatori in diffida (Vettorel, Corsinelli, Mercati, Casolari, Rosaia, Spina e Udoh). “L’Entella ha una squadra di valore che a gennaio si è ulteriormente rinforzata – dice Braglia -, dovremo fare una grossa partita sul piano agonistico e tecnico. Ultimamente stiamo giocando bene”.

Sulle scelte consegna un’anticipazione: “Chierico ha giocato meno, l’ho sacrificato parecchio. Voglio dargli una nuova possibilità di darci una mano. Il nostro problema è Udoh che è l’unico attaccante e vediamo come recupera, qualcosa ci dobbiamo inventare. Intanto convoco Mancini che è del 2007. Dobbiamo prepararci bene a questa partita, tutto è in gioco. Io sono tranquillo perché li vedo allenarsi al meglio. Bisogna capire che dopo le sconfitte si deve ripartire con l’intelligenza ed essere aggressivi con molta fame e motivazione”.

Greco o Vettorel in porta? “Non mi piace cambiare dopo un errore, quando uno sbaglia è giusto dargli modo per riscattarsi. Vettorel è uscito per infortunio, gli errori li ha fatti anche lui, come ne faccio io e tutti perché chi fa può sbagliare”.

La novità è l’attaccante spoletino Riccardo Mancini, classe 2007, talento scoperto come Di Gianni dal direttore sportivo delle giovanili Daniele Martini che l’ha portato l’estate scorsa dall’Acf Foligno nei dilettanti.

Contro l’Entella ci sono gli ultimi due precedenti terribili, ovvero la sconfitta dell’andata il 15 ottobre per 2-1 con la rimonta dei liguri dopo il vantaggio di Spina nei primi minuti (decisivo l’ex Bonini) e quella del 22 maggio nel ritorno dei playoff per 3-1 ribaltando il 2-0 che il Gubbio aveva ottenuto in casa.

Arbitra Francesco Zago di Conegliano, al primo anno in Lega Pro.