Home Cronaca Oltre 720.000 euro alle famiglie in difficoltà: l’assessore Cecchetti lancia l’allarme

Oltre 720.000 euro alle famiglie in difficoltà: l’assessore Cecchetti lancia l’allarme

1032
0
Rita Cecchetti

L’assessore alle Politiche sociali e vice sindaco Rita Cecchetti presenta i dati relativi alle misure di sostegno al reddito di cui hanno beneficiato le famiglie eugubine nel 2017 e nel primo semestre dell’anno in corso: “Complessivamente sono stati erogati oltre 720.000 euro di contributi alle famiglie e alle persone attraverso diverse misure. Si tratta di una serie di misure garantite attraverso risorse del bilancio comunale, dello Stato e di altri soggetti, per le quali il Comune, attraverso gli operatori dell’Ufficio di Cittadinanza, garantisce attività di accoglienza, ascolto e prima informazione, orientamento nonchè di aiuto e accompagnamento nella compilazione delle domande e nell’inserimento in banche dati regionali e nazionali. Una mole di lavoro significativa e un reale sostegno economico alle famiglie testimoniata dai numeri”.

I DATI COMPLETI. “Tornando alle cifre – spiega la Cecchetti – le risorse erogate attraverso contributi economici diretti e fondo per il sostegno alla povertà di Comune, CARITAS diocesana e Fondazione Cassa Risparmio di Perugia, oltre 210.000 euro nel 2017 e circa 85.000 euro nel primo semestre del 2018, di cui hanno beneficiato complessivamente 591 nuclei familiari. Da quest’anno il comitato che gestisce le risorse del Fondo Comune, CARITAS e Fondazione ha deciso di sperimentare forme di volontariato civico attraverso l’iscrizione dei beneficiari del contributo all’Albo comunale del Volontariato. Alcune di queste persone hanno prestato la loro opera in affiancamento al personale del Comune, in lavori di pubblica utilità nell’ambito delle manutenzioni delle scuole prima dell’avvio dell’anno scolastico. Una forma di collaborazione che deve certamente essere maggiormente potenziata alla quale i beneficiari dei contributi devono collaborare in virtù di un patto sociale tra enti e cittadini. Alle risorse erogate direttamente dal Comune vanno aggiunte quelle statali, erogate attraverso l’INPS; primo fra tutti, il Reddito di Inclusione (REI) e il SIA che è andato a favori di circa 123 beneficiari tra il 2017 e il primo semestre del 2018 (a fronte di 410 domande presentate e gestite dall’Ufficio di Cittadinanza del Comune) per  220.000 euro di contributi.  A questi si aggiungono l’assegno di maternità con circa 112.000 euro erogati e 66 domande accolte su 74, l’assegno per nuclei familiari con 3 o più figli, circa 93.000 euro di contributi a 60 nuclei su 71 richiedenti, il bonus luce, gas e acqua che comporta una riduzione percentuale in bolletta non quantificabile, che ha interessato 490 domande presentate allo sportello comunale”.

SITUAZIONE IN PEGGIORAMENTO. “Certamente le situazioni di bisogno anche nella nostra città sono in crescita –  conclude Cecchetti – nonostante una rete familiare e di altri soggetti che cercano di arginare e sostenere famiglie e persone sole; non bisogna dimenticare che i Comuni attraverso i Servizi sociali, in particolare gli Uffici di Cittadinanza sono il primo riferimento, poiché si tratta di un servizio territoriale del Comune rivolto alle persone, alle famiglie e all’intera comunità per affrontare vari aspetti della vita quotidiana. Un servizio che lavora in collaborazione con i cittadini, sempre più aperto alle loro istanze, con un equipe di personale qualificato e di esperienza”. L’Ufficio di Cittadinanza è aperto dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 e martedì e giovedì anche dalle 15 alle 17.