Home News Al Club Automodellistico “5 Colli” è in arrivo un biennio di grandi...

Al Club Automodellistico “5 Colli” è in arrivo un biennio di grandi eventi internazionali

1458
0
Il vice presidente Daniele Agostinelli e il presidente Giuseppe Agostinelli assieme a Stirati e Damiani

Si prospetta un biennio denso di grandi appuntamenti al mini autodromo “Mario Rosati”, grazie anche al lavoro di promozione e sviluppo che negli anni il Club Automodellistico “5 Colli” ha promosso, al punto da diventare un punto di riferimento in tutto l’ambito nazionale e non solo. “Sappiamo di aver lavorato bene in questi anni, ma di sicuro c’è in noi la volontà di riuscire a fare, se possibile, ancora meglio”, ha commentato il presidente Giuseppe Agostinelli a margine dell’incontro con la stampa nel quale sono stati presentati gli appuntamenti in calendario nel 2019, con un occhio già al 2020. “Non era facile ripartire dopo l’alto livello di gradimento che abbiamo riscontrato dopo il mondiale 2016 – ha proseguito Agostinelli – eppure ci stiamo accorgendo che fuori dai confini locali la percezione è quella di un ambiente che trova grandissimi apprezzamenti e consensi. Di sicuro gli investimenti fatti per ammodernare l’impianto hanno dato i loro frutti: si è trattato di spese importanti, la convenzione stipulata a suo tempo con il Comune le prevedeva e se da un lato ci ha caricato di oneri consistenti, dall’altro ci ha permesso di lavorare con decisione e grande lungimiranza”. La novità del 2019 riguarda il passaggio dell’AMSCI, cioè la federazione italiana automodellismo, nella grande famiglia di ACI Sport. “Un passaggio che inizialmente ci ha un po’ spaventato, ma che poi si è rivelato da subito vincente. Siamo stati a Roma per le riunioni del caso, abbiamo avuto modo di affrontare tanti argomenti con i delegati AMSCI in quota ACI Sport e ci siamo resi conto che in fondo in questa maniera le cose non potranno che migliorare, per tutti. Far parte del mondo ACI certifica la crescita di un movimento che sta riscuotendo sempre più consensi, anche su vasta scala”.

TORNA L’EUROPEO. Nel 2019 Gubbio sarà ancora una volta al centro delle attenzioni per l’organizzazione di eventi internazionali. Clou a primavera quando prima verrà ospitata la tappa inaugurale del campionato italiano 1/8 pista e 1/10 touring (30-31 marzo), quindi la tappa delle GP Series EFRA (quindi campionato europeo) riservato alle medesime vetture. “È significativo il fatto che il nostro impianto sia stato scelto per ospitare la prima gara del nuovo corso ACI Sport – ha aggiunto Agostinelli – tanto che il presidente Gianluca Marotta verrà personalmente ad omologare il tracciato, parametro richiesto in quanto tutte le piste italiane dovranno passare attraverso la nuova omologazione ACI Sport. Marotta è stato a Gubbio in passato avendo spesso corso nelle gare in salita e ha ricevuto grandi relazioni sul nostro tracciato, per cui è stato un suo desiderio quello di visionarlo personalmente all’inizio del nuovo percorso. Al campionato italiano inoltre potranno partecipare anche piloti stranieri, e questo aumenterà l’audience con l’arrivo di contingenti anche dall’estero. Quanto alla GP Series EFRA, è la riprova della grande considerazione di cui gode Gubbio fuori dai confini nazionali”. Una fiducia che è stata ribadita anche dall’assegnazione del campionato europeo 2020, che torna al “Mario Rosati” a distanza di 11 anni dalla prima edizione (e nel 2013 si tenne l’europeo B). “Non ce l’aspettavamo questa assegnazione, ma ci ha riempiti d’orgoglio perché testimonia una volta di più la grande attenzione che viene riposta nei confronti della nostra organizzazione. Un campionato europeo porta un migliaio di addetti ai lavori in città per non meno di 7 giorni, e questo capite da voi che tipo di ricadute può avere per il territorio. D’altronde il nostro primo obiettivo è quello di far conoscere Gubbio, promuovere le sue bellezze e fare in modo che quanta più gente possa tornare in veste da turista. E vi posso assicurare che già in questa ultima parte dell’anno tantissimi piloti, con famiglie al seguito, torneranno a Gubbio dopo aver partecipato ai vari trofei organizzati nel 2018”. Il mini autodromo “Mario Rosati” ospiterà inoltre le finali del campionato italiano nel prossimo autunno (data da stabilire), oltre ad altre iniziative legate a vetture su scala 1/5 e GT.

LA PARTE DEL COMUNE. Dall’amministrazione comunale è arrivato un plauso all’ennesimo appuntamento europeo di cui il Club Automodellisto “5 Colli” si renderà protagonista nel 2019: “Ancora una volta si conferma lungimirante la scelta di puntare sullo sport come veicolo di promozione per la città”, ha spiegato il sindaco Filippo Mario Stirati. “Il lavoro svolto dagli amici del “5 Colli” testimonia anche la grande capacità del tessuto locale di eccellere in ogni disciplina. Sappiamo quanti sforzi servono per realizzare questi appuntamenti, ma riteniamo anche che ci siano le competenze per portarli a termine. In un territorio come il nostro dove si avvertono ancora gli strali della crisi, se c’è un settore in netta controtendenza è quello turistico, per giunta anche applicato allo sport: riscontriamo indicatori positivi con strutture in aumento grazie anche alla possibilità di aprire gli orizzonti e allargare la proposta, e in questo senso discipline come automodellismo, corse in salita, atletica e altre ancora rappresentano uno straordinario volano. Poter organizzare eventi internazionali, poi, si traduce in una pubblicità enorme per la città”. Anche l’assessore allo sport Gabriele Damiani si è unito al coro di complimenti per l’ennesimo salto di qualità mostrato dal club eugubino: “Già durante il mondiale del 2016 ho potuto constatare la grande professionalità e qualità dell’organizzazione messa in piedi dai tanti volontari. Ho visto serietà e passione, soprattutto la volontà di costruire qualcosa per la città tutta, e non fine a se stesso. Da parte dell’amministrazione c’è la volontà di valorizzare l’associazionismo sportivo e questa scelta a mio modo di vedere si dimostra sempre più lungimirante e di prospettiva. Il fatto che ACI Sport confermi Gubbio in cima alle preferenze nel mondo dell’automodellismo testimonia la grande capacità del club “5 Colli” di offrire un prodotto unico e di grande rilevanza”.

NUOVI SCENARI. Accompagnato dal vice presidente Daniele Agostinelli, il presidente Giuseppe a margine dell’incontro ha voluto anche suggerire una nuova idea: “Sappiamo che Gubbio non è ancora dotata di un palazzetto dello sport adibito a certi tipi di manifestazioni, e tra queste potrebbe trovare spazio il campionato di automodellismo elettrico che sta prendendo sempre più piede e che si potrebbe disputare al coperto, non essendoci emissioni di alcun tipo”. Un assist che Stirati ha raccolto ben volentieri: “Il fatto di non disporre di un palazzetto dello sport rappresenta un anello mancante “pesante” della catena, ma di sicuro è necessario promuovere un dibattito al riguardo anche in funzione di certi tipi di iniziative che possono in tal modo essere proposte. E se l’invito arriva da associazioni che tanto hanno già fatto per il territorio, beh, non possiamo che restare in ascolto e adoperarci per cercare di creare le condizioni affinché si realizzi ciò che manca”.