Home News Rebus Gubbio: Galderisi non rivela se oggi a Monza cambierà modulo

Rebus Gubbio: Galderisi non rivela se oggi a Monza cambierà modulo

747
0
Giuseppe Galderisi

Non è detto che Galderisi cambi modulo per far uscire il Gubbio dalla crisi. Si vedrà oggi a Monza (ore 16.30) contro la squadra di Brocchi, dell’ex Marchi e di Paolo Berlusconi all’esordio da presidente, lanciatissima con quattro vittorie nelle ultime sette gare positive scalando fino al quarto posto, oltre ad aver conquistato la finale della Coppa Italia di Serie C. I rossoblù invece si sono infilati in un tunnel buio dopo tre punti in sei gare, un successo nelle ultime dieci giornate (il 13 febbraio scorso a Fermo), e una classifica che rischia di farsi pericolosa visto l’esiguo margine di due punti sulla zona rovente. “Sappiamo ciò che ci aspetta e che dobbiamo fare, daremo il massimo. Credo in questo gruppo che deve togliersi la paura di dosso”, ha spiegato Galderisi che ha provato di tutto in questa settimana, mutando l’assetto tattico e gli uomini anche più volte nello stesso allenamento. Ha lavorato sulla difesa a tre con due punte e sulla linea difensiva a quattro con tre centrocampisti invece di due. Si vedrà se giocherà con il solito 4-2-3-1 che il tecnico ha messo in campo da quando è arrivato al posto di Sandreani, ossia proprio contro il Monza al Barbetti il primo dicembre all’andata. In difesa c’è il ritorno di Espeche dopo la squalifica, mentre è fuori per infortunio Piccinni, così come De Silvestro in attacco. Stringeranno i denti Malaccari e Casiraghi per esserci. Proprio le condizioni fisiche di Malaccari possono condizionare le scelte di Galderisi, che tiene in pre-allarme Massimo Conti, classe 1998, dopo le buone cose fatte vedere domenica scorsa nello scialbo 0-0 al Barbetti contro il Renate. Stesso discorso per l’attaccante Vincenzo Plescia, ’98 pure lui, che viene preso in considerazione dopo essersi messo in luce da subentrato domenica scorsa. L’ex Ettore Marchi, bomber eugubino e capitano rossoblù nell’ultimo anno e mezzo, ha mandato qualche frecciata (“Si può fare buon calcio a Gubbio ma ci sono troppe interferenze esterne”) ed è molto considerato nell’ambiente brianzolo dove ha messo assieme fin qui dodici presenze con due gol. Arbitra Francesco Meraviglia di Pistoia.