Home Attualità Mostra del Tartufo, apertura amarcord con Brancaleoni. E “Rosita” ritrova lo chef...

Mostra del Tartufo, apertura amarcord con Brancaleoni. E “Rosita” ritrova lo chef Esposito

1645
0
Emanuele Brancaleoni taglia il nastro della Mostra del Tartufo 2018

Si apre il sipario sulla 37esima edizione della Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco e dei prodotti agroalimentari di Gubbio. Alle 12 in punto sono stati inaugurati gli stand di piazzale Arturo Frondizi alla presenza delle istituzioni locali e dello chef Gennaro Esposito, invitato d’onore anche alla cena di gala che ha aperto in via ufficiale la rassegna eugubina con la quinta tappa di Gubbio Food Experience. Il taglio del nastro è stato affidato simbolicamente a Emanuele Brancaleoni, di certo uno dei tartufai più longevi di Gubbio (è classe 1923), che nel lontano 1918 fu tra i promotori della prima edizione della mostra. Emozionato, il decano dei cavatori del comprensorio ha rivolto un grosso in bocca al lupo a una rassegna che ha deciso di rinnovarsi, puntando su una tipologia differente che spazia dal solo e semplice tartufo.

RAFFORZARE LA PROMOZIONE. “Siamo perfettamente consapevoli di non avere alcunché da invidiare ad altre realtà che legato il proprio nome al tartufo”, ha commentato il sindaco Filippo Mario Stirati. “Quello che negli ultimi tempi è venuto un po’ meno è semmai l’aspetto promozionale della mostra, che andrebbe valorizzata in modo differente pensando al fatto che in Umbria si raccolgono delle quantità anche 4 volte superiori a quelle di altri territori come il Piemonte che pure, è innegabile, riescono a vendere meglio il prodotto. Una collaborazione maggiore e proficua con le Marche, al riguardo, proprio non guasterebbe, magari andando a creare un vero e proprio brand del Tartufo dell’Appennino Centrale”.

ANCORA GIULIANO TARTUFI. Come da tradizione subito dopo l’inaugurazione spazio alla premiazione per il tartufo più grande presente alla mostra: per il secondo anno consecutivo è la ditta di Pietralunga “Giuliano Tartufi” a conquistare il riconoscimento, con un esemplare di tartufo bianco del peso di 361 grammi (in realtà faceva parte di un pezzo da oltre 470 grammi, che in fase di estrazione si è spezzato in due parti). All’azienda è andato un premio in ceramica realizzato da Giampietro Rampini.

Gennaro Esposito consegna a “Giuliano Tartufi” il premio per il tartufo più grande presente alla mostra 2018

CUOCHI D’ITALIA. A margine dell’inaugurazione, curioso siparietto fuori dagli stand di piazzale Frondizi: Rosa Merli, meglio nota al grande pubblico come Rosita (o dagli eugubina come la Rosa del “Generale”), ha avuto modo di incontrare quel Gennaro Esposito che faceva parte della giuria del programma “Cuochi d’Italia”, che nella seconda edizione ha visto prevalere proprio la cuoca eugubina. Risate e ricordi tra i due chef che hanno avuto modo di raccontare qualche aneddoto legato alle registrazioni del programma, con Esposito che ha promesso anche di andare a fare visita a Rosa nel suo locale lungo i tornanti del Bottaccione. A immortalare lo scatto, postato poi sul suo profilo social, nientemeno che l’assessore allo sport Gabriele Damiani, che ha voluto così rendere partecipe la città di questo piacevolissimo rendez vous.

Rosa Merli e Gennaro Esposito a colloquio 9 mesi dopo il trionfo della cuoca eugubina a “Cuochi d’Italia”