Home Attualità Circoli didattici: la Regione non accorpa. Pasticcio dell’assessore Simona Minelli, bocciata dall’Ufficio...

Circoli didattici: la Regione non accorpa. Pasticcio dell’assessore Simona Minelli, bocciata dall’Ufficio scolastico regionale

801
0
L'Edificio Scolastico di via Perugina

Nove approvazioni da parte della Giunta Regionale, facendo propri i pronunciamenti degli enti provinciali di Perugia e Terni presieduti da Stefania Proietti e Laura Pernazza e dell’Ufficio scolastico regionale (Usr) diretto da Sergio Repetto, e cinque bocciature tra cui il clamoroso caso dell’unificazione dei due circoli didattici “Matteotti” e “Aldo Moro” proposta dal Comune e che era stato approvato della Provincia trovando però il parere negativo del dirigente Repetto.

La Giunta Tesei ha adottato il Piano della programmazione della rete scolastica e dell’offerta formativa per l’anno scolastico 2023-2024. Cambiano un po’ di cose rispetto al piano approvato all’unanimità dal consiglio provinciale di Perugia l’8 novembre scorso. Sull’accorpamento di due circoli didattici a Gubbio sono state sconfessate sia la giunta Stirati che la Provincia.

Per l’Usr la richiesta “non risponde al principio di verticalizzazione degli istituti scolastici, le due realtà hanno una dirigenza stabile, l’unione porterebbe a una direzione didattica sovradimensionata, non sono stati definiti i dati della nuova eventuale istituzione scolastica derivante dall’unificazione e dall’istruttoria emerge una parziale convergenza dei soggetti che hanno partecipato alla conferenza appositamente istituita”.

L’Usr certifica il pasticcio dell’assessore all’Istruzione, Simona Minelli, che ha lavorato tardi e male al progetto di riordino dei circoli didattici riuscendo nell’impresa di far sollevare svarianti docenti dei circoli con la sponda offerta dall’estrema sinistra con Orfeo Goracci al centrodestra con il gruppo consiliare della Lega che ha convinto la Giunta Tesei a respingere il parere favorevole della Provincia preso all’unanimità.

La Regione ha bocciato l’accorpamento “in relazione al parere espresso dall’Usr e in considerazione del processo di riforma in itinere in ambito nazionale, in attuazione del Pnrr concernente definizione e riorganizzazione del sistema della rete scolastica, processo che induce ad avviare un percorso specifico di approfondimento e analisi della situazione regionale nel suo complesso e delle specificità territoriali”.