Home Attualità L’impronta eugubina di Roberto Lioli nel David di Donatello al pianista Stefano...

L’impronta eugubina di Roberto Lioli nel David di Donatello al pianista Stefano Bollani

881
0
A destra l'eugubino Roberto Lioli con il pianista compositore Stefano Bollani

A vincere il David di Donatello 2023 come “Miglior compositore” è stato il pianista Stefano Bollani per il film Il pataffio del regista Francesco Lagi.

In questo riconoscimento c’è un’impronta eugubina di Roberto Lioli. Lo stesso prestigioso compositore nel suo profilo di Facebook gli rende omaggio: “Il suono così vivo delle musiche de Il Pataffio è merito di Roberto Lioli che lo ha registrato, missato, accudito e di Stefano Cappelli che ha curato il mastering. Siamo un team da parecchi anni e parecchi dischi! Vi ringrazio tanto per la cura e il talento che ci mettete”.

L’eugubino Roberto Lioli occupa un ruolo di rilievo nella musica italiana. Ha fondato nel 2015 l’etichetta discografica Encore Jazz, è ingegnere del suono presso la Casa del Jazz e la Fonderia delle Arti, nonché fonico di Stefano Bollani.

È nota la sua carriera di sound engineer accanto a grandi nomi del jazz italiano e internazionale, primo tra tutti Stefano Bollani. Con l’etichetta fondata si rivolge a un pubblico di appassionati e cultori, che ama il disco in quanto oggetto fisico e il dettaglio del suono che è al centro del suo lavoro. Uno degli obiettivi di Encore Jazz – ha raccontato – è affiancare una collana in vinile ad ogni nostra produzione discografica. Vi è la possibilità di downlod digitale del catalogo attraverso i vari digital stores, per favorirne una diffusione a largo raggio.