Home Cultura Festa del Perdono, suggestivo concerto all’alba con Lorenzo Cannelli ed Elena Casagrande

Festa del Perdono, suggestivo concerto all’alba con Lorenzo Cannelli ed Elena Casagrande

1139
0

È suonata presto la sveglia per un centinaio di eugubini, che per nulla al mondo si sono voluti perdere il concerto “L’alba del perdono”, l’appuntamento inserito nel programma della Festa del Perdono 2023 che ha visto esibirsi Lorenzo Cannelli al pianoforte ed Elena Casagrande al violino. Una mattinata diversa da tutte le altre, con i due musicisti che hanno contribuito a rendere ancora più suggestiva un’alba davvero unica e speciale. Attraverso testi (letti da Daniela Minelli) e musiche dedicate al tema del perdono, alcune delle quali composte proprio da Cannelli, è stato proposto un percorso che ha consentito ai tanti fedeli presenti di immedesimarsi in un contesto davvero unico e particolare, con brani legati in qualche modo al tema del perdono, ma ispirati anche dalla bellezza del creato e dalla voglia di condividere un momento di per sé davvero unico e intenso. Un momento che è proseguito poi con un’abbondante colazione, segno di condivisione che ha “battezzato” idealmente l’inizio di una nuova giornata.

Un momento del concerto “L’Alba del Perdono”

IL PROGRAMMA. La Festa del Perdono, giunta alla quarta edizione, si è aperta domenica con il pellegrinaggio nei luoghi di Francesco, che ha visto un nutrito gruppo di eugubini salpare alla volta di Santa Maria degli Angeli per raggiungere il santuario di San Damiano. Domani, martedì 1° agosto, alle 21 è in programma il terzo appuntamento con la testimonianza di Lucia Di Mauro Montanino, ambasciatrice del perdono: suo marito Gaetano venne ucciso nel 2009 durante un tentativo di rapina effettuato da 4 giovani, il più piccolo dei quali, Antonio, aveva appena 17 anni e per quell’omicidio è stato condannato a 22 anni di carcere. Antonio dal 2017 è in libertà vigilata perché Lucia lo ha “adottato”, nel senso che ha trovato la forza per perdonarlo e per aiutarlo a trovare una strada nella vita, e il suo esempio è servito per mostrare al mondo la forza potentissima del perdono e la capacità di saper generare il bene anche da un fatto così luttuoso. Mercoledì 2 agosto, nel giorno in cui in tutto il mondo si celebra la Festa del Perdono, alle 19,30 è prevista la celebrazione penitenziale, guidata dal vescovo emerito di Gubbio, mons. Mario Ceccobelli, che prevede anche il passaggio all’interno della Porta della Chiesa della Vittorina per ottenere il dono dell’indulgenza.

Un momento del concerto “L’Alba del Perdono”