Home Attualità Coronavirus, a Gubbio 90 casi positivi con quattro ricoveri e quasi tutti...

Coronavirus, a Gubbio 90 casi positivi con quattro ricoveri e quasi tutti asintomatici. Superati i numeri della prima ondata pandemica

1026
0

Sono 90 i casi di positività al coronavirus registrati nel territorio di Gubbio, con quattro persone ricoverate in ospedale e le restanti asintomatiche o con sintomi lievi. Superato il numero dei contagiati dell’ondata pandemica di primavera.

“Non posso nascondere la mia preoccupazione e la mia apprensione in queste ore complesse e difficili per i cittadini eugubini, ma mi preme nel contempo ricordare che è importante ora più che mai seguire le indicazioni di contrasto al virus che ci stanno arrivando anche attraverso i decreti – spiega il sindaco Filippo Mario Stirati -. Nel Dpcm firmato dal presidente Conte, tra le altre indicazioni, ci sono restrizioni che riguardano anche case e incontri privati. Il nuovo decreto, infatti, raccomanda fortemente di evitare riunioni e feste che comprendano oltre sei persone non conviventi, anche nelle abitazioni private: una normativa, questa, che coinvolge anche la realtà dei “club” nella nostra città. Fatto salvo l’invito a sanificare gli ambienti, sono fortemente sconsigliate cene, aperitivi, compleanni e altri eventi che non rispettino la “regola del 6”, stabilita dal Governo alla luce di un’evidenza epidemiologica: la maggior parte dei contagi avviene in famiglia e nell’ambito di relazioni amicali, anche purtroppo nel nostro territorio.

“Per questa ragione – spiega il sindaco – se fino a questo momento la casa rappresentava un “rifugio” apparentemente sicuro in cui preservare un minimo di socialità, ora è necessario attenersi a regole più stringenti, in casa come nei luoghi privati chiusi. La curva dei contagi si è impennata soprattutto a causa delle dinamiche in ambito famigliare e amicale: dobbiamo indossare mascherine se ci si avvicina a persone fragili e se si ricevono ospiti, e occorre limitare al massimo a sei il numero di persone riunite in una stessa casa”. Resta in vigore l’obbligo, su tutto il territorio nazionale come in quello regionale, di portare con sé i dispositivi di protezione delle vie respiratorie e di indossarli nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all’aperto, a eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi”.