Home Attualità Luca Morelli presenta alla Sperelliana il suo primo libro “Rockilience” – La...

Luca Morelli presenta alla Sperelliana il suo primo libro “Rockilience” – La vita di un infermiere rock!”

647
0
Luca Morelli

Sabato 11 dicembre 2021 a Gubbio presso la sala Ex Refettorio della biblioteca Sperilliana alle ore 17  si terrà la presentazione del libro “Rockilience” – La vita di un infermiere rock!”, opera prima di Luca Morelli che testimonia la propria esperienza di vita vissuta in tempo di pandemia sia come imprenditore che come infermiere Covid.

“L’idea del libro – spiega Morelli – stata una necessità più che un vezzo. A pensarci oggi, credo che sia stato il desiderio di fissare nel tempo il percorso di una vita che dà voce a più vite. I sogni indefiniti di un ragazzino che prendono forma veleggiando, a volte contro vento, a volte a favore. Le crisi interiori in cui perdi te stesso e poi la magia di ritrovarsi più maturi e consapevoli. E poi la pandemia che segna nella nostra vita un prima e un dopo. La pandemia che lascerà un segno indelebile sulla linea del tempo. Un graffio, una pagina strappata dal diario dei ricordi, che siamo chiamati a riscrivere cercando di dare un senso agli innumerevoli giorni di solitudine e paura. Il libro che ho scritto parla di tutte queste cose e credo sia facile immedesimarsi leggendole. Volevo anche testimoniare che nei piccoli centri urbani, lontano dal fermento delle metropoli, ci sono anime ribelli che escono dai solchi già tracciati, sfidando abitudini, per valorizzare la bellezza di una terra che ha infinite potenzialità. Lasciare Gubbio per andare nei reparti Covid di Milano, proprio quando il coronavirus era un nemico totalmente sconosciuto che mieteva migliaia di vittime, è stata la volontà di esserci, puntuale al mio compito. Avrei potuto restare nel B&B a curare i miei affari in attesa che finisse l’uragano e invece ho scelto di far parte, partecipare al destino del mio Paese che nei momenti di pace mi ha donato e mi dona la meravigliosa terra dove accogliere i turisti di tutto il mondo”.