Home News Il Perugia è condannato alla C: torna il derby col Gubbio. Ecco...

Il Perugia è condannato alla C: torna il derby col Gubbio. Ecco le ipotesi dei gironi di Serie C

569
0
Un'azione di gioco dell'ultimo derby tra Gubbio-Perugia, datato 17 marzo 2021, vinto 3-2 dal Gubbio in rimonta

Con la bocciatura del ricorso presentato contro la riammissione del Lecco in Serie B si è già chiusa la brevissima e fugace parentesi estiva del Perugia nel campionato cadetto. Ci sarebbe la possibilità di portare la questione davanti al giudizio del Consiglio di Stato, ma quanto deciso dalla Tar del Lazio ha di fatto posto il Grifo nelle condizioni di avere ben poche chance di vedere esaudite le proprie richieste. Il futuro della società del capoluogo di regione sarà dunque in Serie C, col tecnico Francesco Baldini che dovrà concentrarsi sull’obiettivo di riportare immediatamente il Perugia nel campionato cadetto e con il dubbio concreto circa le intenzioni di Massimiliano Santopadre di proseguire alla guida del club (a inizio luglio la cessione pareva cosa fatta: Moreno Zebi era stato individuato come nuovo direttore sportivo dalla cordata che avrebbe dovuto rilevare il club biancorosso, poi però dopo un’attenta analisi dei conti non se ne fece più nulla, anche perché nel frattempo Santopadre si era convinto che tornare subito in B dalla porta di servizio sarebbe stato più facile del previsto, cosa poi non avvenuta).

IPOTESI GIRONE. Il futuro del Perugia è dunque in Serie C e nella stagione 2023-24 tornerà il derby con il Gubbio, a ravvivare anche l’interesse della piazza eugubina che certamente vorrà farsi trovare pronta all’incrocio contro l’ambizioso Grifo che verrà. Dopo che il TAR del Lazio ha riammesso il Lecco in B e bocciato la Reggina (al suo posto tornerà tra i cadetti il Brescia, ma in attesa della sentenza definitiva del Consiglio di Stato il campionato potrebbe partire “zoppo”, cioè senza una squadra) è possibile anche cominciare a delineare quelli che saranno i tre gironi di Serie C, così come anticipato nelle scorse ore da alcuni network nazionali. Il Gubbio naturalmente resterà nel raggruppamento B, quello dell’Italia centrale, che si preannuncia denso di squadre di blasone e storia come Cesena, Spal, Arezzo, Pescara e appunto Perugia. E a sorpresa potrebbe finirci pure la Juventus Next Gen, a meno che non venga spostata “sotto” l’Atalanta U23 (che prenderà il posto del Siena). L’ufficialità avverrà lunedì 7 agosto, con la partenza del torneo posticipata dal 27 agosto al 3 settembre. Salvo sorprese, questa dovrebbe essere la composizione dei tre gironi.

GIRONE A. AlbinoLeffe, Alessandria, Arzignano, Atalanta U23, Fiorenzuola, Giana, Legnago, Lumezzane, Mantova, Novara, Padova, Pergolettese, Pro Patria, Pro Sesto, Pro Vercelli, Renate, Trento, Triestina, Vicenza, Virtus Verona

GIRONE B. Ancona, Arezzo, Carrarese, Cesena, Entella, Fermana, Gubbio, Juventus Next Gen, Lucchese, Olbia, Perugia, Pescara, Pineto, Pontedera, Recanatese, Rimini, Sestri Levante, Spal, Torres, Vis Pesaro.

GIRONE C. Avellino, Benevento, Brindisi, X (Casertana), Catania, Cerignola, Crotone, Foggia, Francavilla, Giugliano, Juve Stabia, Latina, Messina, Monopoli, Monterosi, Picerno, Potenza, Sorrento, Taranto, Turris.